"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

mercoledì 11 marzo 2009

Moon over Bourbon Street

Oggi voglio proporvi una storia, un racconto gotico e romantico... si chiama "Luna su Bourbon Street".


C’è la luna su Bourbon Street stanotte
vedo volti che passano sotto pallidi lampioni
Non ho scelta, devo seguire il richiamo
le luci scintillanti, la gente, la luna e tutto il resto...
Prego ogni giorno di essere forte
so che faccio qualcosa di sbagliato.
Oh, non potrete mai vedere la mia ombra
o udire il suono del mio passo
se c'è la luna su Bourbon Street.


Era tanto tempo fa, quando sono diventato ciò che sono
sono stato intrappolato in questa vita
come un agnello innocente
ora non posso mai mostrare il mio viso a mezzogiorno
e potrete solo vedermi camminare sotto la luce della luna,
la tesa del mio cappello nasconde gli occhi di una bestia
ho il volto di un peccatore, ma le mani di un prete.
Oh, non potrete mai vedere la mia ombra
o udire il suono del mio passo
se c'è la luna su Bourbon Street.


Lei cammina ogni giorno lungo le strade di New Orleans
è innocente e giovane, figlia di una famiglia facoltosa
sono stato molto tempo sotto la sua finestra, di notte
combattendo contro il mio istinto, sotto la pallida luna.
Come posso sentirmi così, mentre prego Dio nel cielo?
Devo amare ciò che distruggo, e distruggere ciò che amo
Oh, non potrete mai vedere la mia ombra
o udire il suono del mio passo
se c'è la luna su Bourbon Street.

Amo molto questo testo. Voi lo conoscete? Si tratta di Moon over Bourbon Street del meraviglioso e bravissimo Sting. Se non l'avete mai sentita, vi consiglio di correre a farlo... se le parole sono coinvolgenti, infatti, la musica lo è altrettanto!
La traduzione è mia, sono stata piuttosto letterale (se la usate, vi prego di citarmi, per favore!). Ma ecco il testo originale. Enjoy!

There's a moon over Bourbon Street tonight
I see faces as they pass beneath the pale lamplight
I've no choice but to follow that call
The bright lights, the people, and the moon and all
I pray everyday to be strong
For I know what I do must be wrong
Oh you'll never see my shade
or hear the sound of my feet
While there's a moon over Bourbon Street

It was many years ago that I became what I am
I was trapped in this life
like an innocent lamb
Now I can never show my face at noon
And you'll only see me walking by the light of the moon
The brim of my hat hides the eye of a beast
I've the face of a sinner but the hands of a priest
Oh you'll never see my shade or hear the sound of my feet
While there's a moon over Bourbon Street

She walks everyday through the streets of New Orleans
She's innocent and young, from a family of means
I have stood many times outside her window at night
To struggle with my instinct in the pale moonlight
How could I be this way when I pray to God above?
I must love what I destroy and destroy the thing I love
Oh you'll never see my shade or hear the sound of my feet
While there's a moon over Bourbon Street

16 commenti:

Alfa ha detto...

Molto bella questa canzone. Sting è un grande.
Bella anche la tua traduzione!

MAX ha detto...

BELLA CANZONE , IMPREZIOSITA' DALLA SPECIALE TRADUZIONE DI IVY.
OTTIMO IVY LA PORTERO' AGLI ESAMI DI BLOGGHERISTA CON IL MASSIMO DEI VOTI, OCCORRE PERO' CHE SI APPLICHI FINO ALLA FINE DELL'ANNO, SI SENTA LIBERA DI PORTARE ALLO SCRIVENTE QUALCUNO DI QUEI SUOI PIATTI DELIZIOSI (POTREBBERO AIUTARLA PER IL VOTO FINALE).
LA SALUTO

Veggie ha detto...

No, non la conoscevo... corro subito a sentirla su YouTube, perchè dal testo mi comunica una grande dolcezza...

Silvia ha detto...

Mi ha colpita talmente tanto questa storia, questo testo... che ho appena scaricato la canzone e la sto ascoltando!!

;-)

lucagel1 ha detto...

Eh sì,bellissima....lo hai ascoltato l'album Nothing like the sun?
Buon w end

Vele/Ivy ha detto...

@Alfa: grazie! La lingua originale rende sempre meglio, ma si cerca di fare quel che si può...

@Max: eheheh, troppo buono come al solito... bè, se potrebbe aiutarmi ad ottenere un buon voto, mi darò da fare quanto prima ai fornelli!!

@Veggie: brava, vale la pena di ascoltare anche la musica!

@Silvia: bene!! Sono felice del fatto che l'hai ascoltata! Magari potrai prendere ispirazione per una delle tue poesie :-)

@Lucagel1: Englishman in New York, Fragile... uno dei miei album preferiti!

Pupottina ha detto...

non conoscevo la traduzione di questa canzone.... delinea veramente una bella atmosfera.... hai ragione!

grazie di aver studiato così a fondo il mio blog.... ;-)

buon weekend

Silvia ha detto...

Mmmm... è vero! potrebbe ispirarmi qualche verso... ci penserò!!!!

Che poi... la musica di questa canzone mi pare familiare: sai se è stata campionata da qualche altro artista per un suo pezzo??? Non me lo so spiegare, ma ascoltandola mi dà la sensazione di averla sentita prima...

Vele/Ivy ha detto...

@Pupottina, figurati, grazie a te dei tuoi commenti!

@Silvia: l'anno scorso c'era una pubblicità che aveva una canzone con un ritmo estremamente simile (canzone recente, quindi scritta dopo quella di Sting)... era la pubblicità di un'auto, c'era una ragazza al volante e un tipo con le ali, novello Icaro, che la seguiva...

Anonimo ha detto...

Sorry but...
from a family of means =
di/da una famiglia facoltosa
(see also www.thefreedictionary.com/means).
Best wishes!

Vele/Ivy ha detto...

Dear "Anonimo",
thanks a lot for your correction. I will update my tranlation based on your advice. In fact, in this way the translation sounds better. Ciao!
PS: Please let me know if you have any additional advices to give me.

Anonimo ha detto...

Non ho visto in tutti i commenti una sola nota relativa al fatto che la canzone si riferisca ad un Licantropo. Forse per chi non la conosce qs. indicazione è un aiuto ad una migliore interpretazione del testo.

Anonimo ha detto...

Mi correggo: la bibliografia la riferisce ad un Vampiro, anche se 25 anni fa (data di uscita dell' album) molti ritenevano che si riferisse ad un Licantropo per effetto dei richiami alla luna

Johnny 68 ha detto...

Ciao. Bellissimo contributo, la traduzione è stupenda (mentre invece in rete c'è in giro roba fatta coi piedi).

Amo molto anch'io questa canzone: 1986, una comitiva di amici in auto, ascoltando questa canzone che parla di un vampiro assassino. Storia un pochino forte, però affascinante.
Ciao e complimenti per il blog.

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

Grazie mille Johnny! Che bel ricordo :-)

Johnny 68 ha detto...

ari ciao.
tornerò a vedere il blog.ne ho uno (in disuso) anch'io. lo trovate dal mio profilo.