"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

lunedì 31 ottobre 2011

Capodanno Celtico a Milano

Come promesso, eccomi qui a raccontarvi il Capodanno Celtico di quest'anno, come sempre avvenuto nello splendido contesto del Castello Sforzesco di Milano.


Quest'anno vi mostrerò un po' di personaggi che animano la ricostruzione del villaggio celtico. Questo è un guerriero. Ha un aspetto piuttosto minaccioso, vero?
Grande spazio viene dato alla ricostruzione degli antichi mestieri, sia femminili che maschili.


Sono stata molto contenta di vedere questa mamma: l'anno scorso il suo bimbo era praticamente in fasce (e già abbigliato da piccolo celtico) e ora guardate com'è diventato grande: ormai è un ometto che cammina da solo :-)

A proposito di bambini, c'erano diverse attività dedicate a loro.


Ed ecco a voi qualche altro simpatico personaggio che mi sono divertita a immortalare con la mia fida macchinetta:



Ma ora basta perdere tempo, tutti in marcia!


E' giunto il momento del corteo storico: i personaggi del villaggio iniziano la marcia alla conquista di Milano, che li porterà a sfilare fino al Duomo.


Tutti insieme hanno cominciato il cammino, superando i bastioni del castello fino ad arrivare alla strada che porta in centro città.


A questo punto, io e il Paolino abbiamo lasciato i Celti alla loro marcia e ce ne siamo tornati al castello... per gustarci un bel bicchiere di idromele caldo! Quest'anno abbiamo anche scoperto l'esistenza dell'ippocrasso, un ottimo vino speziato medievale!


Che altro è successo in questo Capodanno Celtico?
Bè, Colorare la vita ha fatto un incontro assai speciale, con una scrittrice fantasy!
Ma vi parlerò di questo a tempo debito... giusto il tempo di leggere il libro (su cui ho la dedica personalizzata) e pubblicare la recensione :-)

Nota: per leggere la cronaca dell'anno scorso, con tanto di foto a magici folletti, cliccate QUI.

Fiaba illustrata di Halloween: la bambola fantasma

Cari lettori, potete leggere la storia di Halloween di quest'anno - intitolata La bambola fantasma QUI

Per dare un'occhiata alle storie di Halloween degli anni scorsi cliccate sui titoli:
Sonno pericoloso, 2009
Jack O' Lantern, 2010

Infine, per leggere un articolo sulle origini di Halloween cliccate QUI.

venerdì 28 ottobre 2011

REGALO DI HALLOWEEN!

Cari lettori,
Colorare la vita sta preparando una sorpresa speciale da proporvi per Halloween!
La pubblicherò il 31, quindi fra pochi giorni... perciò rimanete sintonizzati su queste frequenze!

sabato 22 ottobre 2011

I matrimoni degli gnomi

Ciao a tutti dal vostro amico Gnomo. Oggi vi parlerò dei matrimoni degli gnomi, in omaggio al matrimonio della Vele avvenuto di recente.

Il matrimonio "classico" degli gnomi prevede molta meno burocrazia di un matrimonio umano.
Di solito funziona così: uno gnomo e una gnoma decidono di vivere insieme. Per prima cosa pensano a dove sistemarsi, costruendo una nuova e confortevole casetta
Quando tutto è pronto per andarci a vivere, mandano messaggi a tutte le persone che conoscono: "Cari amici, il giorno X la gnoma Perilla e lo gnomo Farfabul cominceranno la loro vita assieme. Siete invitati alla festa. Prego venire muniti di cibarie". Eh sì, perché è la festa degli sposi, che hanno già dovuto faticare per metter su casa e quindi nessuno pretende da loro che facciano trovare agli ospiti il cibo pronto: ognuno porterà qualcosa.
Naturalmente, tutta la baraonda di persone invitate non ci sta nella casa dei novelli sposi. La festa di fa quindi in una bella radura nel bosco: se fa brutto, si provvede a metter su una copertura di foglie e rami intrecciati. Si mangia, si beve ottimo vino Sponup - il vino dei matrimoni - e si eseguono le tipiche danze gnomesche.

Alla fine della festa, gli sposi mettono all'ingresso una targa coi loro nomi e da quel momento sono sposati.
Facile, no?

Devo dire comunque che, col tempo, anche noi gnomi siamo rimasti influenzati dalle cerimonie più... "cerimoniose" che seguono gli esseri umani. Nei villaggi più strutturati - quale era modestamente il mio - abbiamo cominciato a far officiare i matrimoni dallo Gnomo Saggio del Villaggio, che è uno gnomo o una gnoma che con la sua esperienza e il suo operato si è distinto/a tra tutti.
Sono orgoglioso di dirvi che nel mio villaggio tale figura era ricoperta da mia nonna, la Nonna Gnoma, di cui un giorno vi parlerò. Ai matrimoni, usava fare un discorsetto benaugurante agli sposi e consegnava loro una spiga d'argento, simbolo di prosperità per la famiglia. Nelle occasioni ufficiali, la coppia usa appuntarsi la spiga sul cappello per dimostrare la sua unione.
Ma in ogni caso, se la coppia novella non ha tempo di fare la grande festa subito prima di andare a vivere insieme, il caro vecchio metodo di scrivere i propri nomi sulla targhetta della casa li rende sposati; si fa sempre in tempo a festeggiare in un secondo momento.

Spero di essere stato esaustivo... e, prima che me lo chiediate, ve lo dico subito: io non mi sono mai sposato! Il vostro gnomo è uno spirito libero, quindi avvertite tutte le mie fans gnomette che vorrei rimare tale!

Un abbraccio a tutti,

Lo Gnomo del Rosmarino

sabato 15 ottobre 2011

Capodanno Celtico Milano, 2011: programma e notizie!

Anche quest'anno sta per arrivare il Capodanno Celtico a Milano, nella splendida cornice del Castello Sforzesco!

Per leggere il programma, cliccate QUI.

Il Capodanno Celtico non ha nulla a che vedere con le distorsioni che certi politicanti hanno dato ai simboli celtici, anzi! E' una festa dove la ricostruzione storica viene fatta in maniera molto accurata e intelligente!
Una manifestazione adatta a tutti, grandi (i personaggi in costume saranno lieti di raccontarvi le radici storiche del villaggio che ricostruiscono), piccini (con tante attività divertenti), sognatori (fate e folletti vi attendono) e  festaioli (musica dal vivo, buon cibo, sidro e idromele vi rallegreranno).

Quali musicisti ci saranno?
Riporto dal testo della newsletter: "Artisti legati alla tradizione musicale di ispirazione celtica e contaminazioni musicali quali: HOLLAND & PALMLEY DUO, OSCAR IBANEZ & TRIBO, LOU TAPAGE, ELECTRIC CEILI e MASSIMO GIUNTINI E RAFFAELLO SIMEONI."

Le date sono: 
VENERDI' 28 OTTOBRE DALLE 18.00 IN POI
SABATO 29 OTTOBRE DALLE 11.00 IN POI
DOMENICA 30 OTTOBRE DALLE 11.00 IN POI

Per leggere la cronaca del Capodanno Celtico dell'anno scorso, cliccate QUI.

sabato 8 ottobre 2011

Ma davvero ci sposiamo?

Convivevano da ormai quattro anni. Andavano d'accordo e avevano anche deciso di allargare la famiglia adottando due mici trovatelli.
E allora perchè non sposarsi?
Già, perchè?
Bè, vivevano in una regione nuova per tutti e due, senza parenti vicino... era difficile organizzarsi... non conoscevano tanti posti per fare il pranzo nuziale... e - se proprio dovevano farlo - volevano un posto speciale!

Arrivò il giorno in cui degli amici li portarono a far l'aperitivo in una meravigliosa villa a 5 chilometri da casa loro. Non potevano credere che così vicino a casa ci fosse un posto tanto fantastico, ricco di storia (sorgeva su un colle usato dai Celti per i loro riti, poi diventato castello medievale e infine trasformato in villa dai più antichi signori di Milano), con opere d'arte all'interno e un vasto parco all'esterno. Era il posto che faceva per loro.
In più, col tempo avevano maturato l'idea che sarebbe stata una cerimonia intima, con solo genitori e testimoni. Quindi non c'erano grossi problemi di organizzazione.

Un giorno, FINALMENTE si decisero a chiedere informazioni. Andarono nel comune del loro paese e presero il numeretto. La fila per matrimoni e nascite era cortissima, toccò subito a loro. Non erano preparati.
"Chiedi tu!"
"No io no, mi vergogno!"
"Ditemi, ragazzi. Quando avete pensato di sposarvi?" Chiese a bruciapelo l'impiegata dello sportello.
Si guardarono con gli occhi a punto di domanda.
"Ehm. Be'. Come stagione ci piace l'autunno..."
"Va bene. Che mese?"
"Mah... ottobre?"
"Bene. Ottobre è tutto libero. Che giorno?"
"Eeeh... non sappiamo, non abbiamo il calendario davanti..."
"Ce l'ho io" disse l'efficente impiegata, porgendo un calendario da scrivania.
Scelsero un po' a caso sabato 8 ottobre. Alle 12.00, così davano il tempo a tutti di raggiungerli.
Poi dovettero firmare dei documenti. Dove firmava lui c'era scritto "Lo Sposo" e dove firmava lei "La Sposa".

All'uscita dal comune avevano ancora gli occhi a punto di domanda.
Dopo qualche passo si fermarono e si guardarono:
"Ma davvero ci sposiamo?"


^____^
Fiori d'arancio in casa di Colorare la vita!!