"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

venerdì 31 ottobre 2014

Mostri di Halloween: Leanan-Sidhe

Cari amici di Colorare,

nonostante i miei impegni personali non potevo mancare a quella che ritengo la tradizione più consolidata di Colorare la vita: la storia di Halloween!


Se vi siete persi le storie degli anni scorsi, cliccate QUI.

Quest'anno, per entrare nell'atmosfera della notte delle streghe, voglio parlarvi di una creatura affascinante ma anche inquietante: la Leanan-Sidhe.

Fata, strega, vampiro succhiasangue, musa... quale sarà la sua vera identità?
Per scoprirlo, ecco la definizione che troviamo nel meraviglioso Fate di Froud e Lee:

Illustrazione tratta da Fate di Froud e Lee
LEANAN-SIDHE (pron. Lan-awn-shee)
Nell'isola di Man è un vampiro che succhia il sangue, in Irlanda la musa dei poeti. Chi viene ispirato da lei vive una vita breve ma brillante.

Queste poche righe, lette ormai diversi anni fa, mi sono rimaste sempre impresse. Molte volte ho cercato di farmi un'idea precisa di cosa ci potesse essere dietro al mito della Leanan-Sidhe.
Alla fine penso si possa considerare come una metafora del prezzo da pagare per certi tipi di menti geniali. E' la follia che pervade il genio e che lo consuma, in cambio dell'ispirazione poetica. Un filo rosso che passa dai poeti maledetti come Arthur Rimbaud fino ad arrivare in epoche moderne ai cantanti come Kurt Cobain.
Quanti di voi sarebbero disposti ad incontrarla, ricevendo il dono della fama e del talento in cambio di una vita breve ma intensa?

giovedì 16 ottobre 2014

Fosca, Igino Ugo Tarchetti

La prima volta che lessi dei brani di Fosca, romanzo più celebre di Igino Ugo Tarchetti, ero all'università. Al liceo la prof non l'aveva trattato, e del resto la corrente artistico-letteraria a cui appartiene è abbastanza snobbata dalla critica.
Luigi Conconi - Figura di donna
Tarchetti è uno dei più famosi esponenti della Scapigliatura, movimento che ebbe come epicentro Milano e che si manifestò nella seconda metà dell'800. Lo scopo dei giovani ribelli scapigliati era opporsi alla morale borghese e al sentimentalismo della corrente romantica, rifacendosi invece ai bohémiens parigini.

Leggendo qualche estratto di Fosca ne rimasi affascinata. In seguito, nel 2009, vidi una mostra a Palazzo reale sull'arte scapigliata e rimasi molto colpita dalla bellezza dei quadri esposti. In quelle tele si vedeva una Milano che non c'è più, ma soprattutto veniva data molto importanza al ritratto di donne intense e sfuggenti. A corredo di questo post potete trovare qualche dipinto di artisti scapigliati.
Daniele Ranzoni - Giovinetta inglese
Ma torniamo al romanzo Fosca. Quasi per caso l'ho ritrovato su Amazon e mi hanno stupito le recensioni degli utenti: tutte estremamente positive e concordi nel dire che questo libro è stato ingiustamente messo nell'angolo dalla critica e dall'insegnamento scolastico.
A questo punto non potevo non leggerlo!

La prima cosa da rimarcare è che, pur essendo un'opera ottocentesca, è estremamente scorrevole. Io l'ho letta in un giorno e mezzo! C'è qualche ovvio arcaismo nello stile, ma non disturba, anzi: contribuisce a rendere l'atmosfera ancora più coinvolgente.
La cosa bella è che, al contrario di altri libri dell'epoca, non si sofferma in minute descrizione sulla cornice storico-politica dell'epoca. A Tarchetti interessano solo i moti dell'animo dei protagonisti.

Tranquillo Cremona - L'edera
Forse l'elemento decisivo, quello che riesce a catturare il lettore, è la genuina passione con cui sono state scritte queste pagine. Non c'è affettazione, né sentimentalismo, bensì un vibrante impeto emotivo che si trasmette senza filtri. Era da molto che non leggevo un libro scritto così.

Il protagonista è sensibile e prova delle passioni vere, autentiche; tali passioni sono amplificate nel personaggio di Fosca, che dà il nome al romanzo.
Fosca è consumata dai suoi stessi sentimenti. La solitudine l'ha macerata, trasformandola in un essere quasi mostruoso, dal volto scavato, simile a quello di un teschio. Non c'è nessun elemento sovrannaturale nella trama, eppure è palpabile una certa vena gotica. Fosca, con i suoi capelli neri e il pallore cadaverico fa pensare a una donna-vampiro, che succhia tutte le energie e la salute dalla persona di cui si innamora.
Luigi Conconi - Pensieri
Giorgio, il protagonista, si ritrova suo malgrado a dover assecondare Fosca, per evitare di farla precipitare in quelle crisi di nervi che potrebbero rivelarsi fatali. Si finge innamorato di lei, creatura spaventosa e ossessiva (allora non esisteva il termine stalker, ma penso le si adatterebbe), mentre vorrebbe trascorrere il suo tempo con la bella e florida Clara, la sua amante. Alla fine l'insana passione di Fosca toglierà a Giorgio la salute e minaccerà la sua stessa vita.

Di più non rivelo, se no rovinerei tutto il gusto della lettura. Già da queste righe avrete potuto capire che per me è stato un romanzo davvero sorprendente. Mi sono procurata altri due libri di Tarchetti, perché è stata una bellissima scoperta!

Come ciliegina sulla torta, Amazon distribuisce l'ebook di Fosca gratis.
Se vi interessa, lo potete trovare QUI.

lunedì 13 ottobre 2014

Crescere insieme a Irene

Cari amici di Colorare,

sui commenti alcuni di voi mi chiedono notizie della mia vita in questo momento, così cercherò di scrivere un post di aggiornamento :-)

Qui tutto va benissimo: Irene è una bambina sana e bella, a cinque mesi ha già imparato a stare seduta da sola, è curiosa, giocherellona e molto sorridente!
Paradossalmente ho meno tempo libero ora rispetto a quando era appena nata. Adesso durante il giorno dorme molto meno, ha sempre voglia di giocare ed essere stimolata. Ecco perché riesco a scrivere poco sul blog!

Sarò a casa in maternità fino ai suoi dieci mesi e in questo periodo voglio esserci al 100% per lei!
Fin da quando è nata le leggo i libri, infatti ora se li manipola e guarda molto volentieri. Col papà invece gioca con i lego morbidosi adatti alla sua età. Le ho già cucito una pigotta (molto rudimentale, data la scarsità di tempo!) e il sabato la portiamo in piscina al corso di acquaticità. E' davvero bello seguire i suoi progressi, è come crescere insieme a lei e tornare di nuovo bambini.

Per ora vi saluto, spero di tornare presto a scrivervi!

Vele