"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

martedì 22 ottobre 2019

Nuova serie di Sci-fi: arrivano i GARDENERS


Era il lontano 2013 quando ricevetti una mail da parte di una certa Eva Fairwald. Mi inviava il suo romanzo d'esordio di genere YA, "L'ombra del sole", per una recensione su Colorare la vita.
All'epoca gestivo la rubrica "Spazio esordienti" ed ero reduce dalla lettura di alcuni romanzi emergenti un pochino illeggibili immaturi, per cui ho pensato: "Oddio, chissà cosa mi invia adesso questa...", ma naturalmente la mia risposta è stata qualcosa come: "Carissima Eva, grazie per avermi scritto, leggerò con piacere il tuo romanzo!".

Com'è andata a finire? Be', il libro di Eva mi è piaciuto moltissimo! È stato il primo libro self che io abbia davvero apprezzato, anzi: l'ho amato molto di più di alcune opere pubblicate da case editrici. Lo stile era trascinante e accuratissimo, la storia originale, i personaggi descritti in maniera viva.

Da quel momento sono diventata una lettrice fedele di Eva, infatti ho divorato ogni suo lavoro (e ho avuto anche il piacere di leggere in anteprima un suo romanzo inedito).

Perciò sono stata molto contenta di apprendere tramite la sua Pagina Facebook il suo nuovo progetto: una serie sci-fi scritta insieme ad altri due autori, cioè Julia Bibi e Roberto Fancellu. I tre hanno deciso di chiamarsi "GARDENERS". Cosa c'entrano i giardinieri con la sci-fi? Non lo so, ma sono curiosa di scoprirlo!

Eva parla così del progetto: "Siamo affascinati dalle storie di personaggi diversi che si intrecciano in un universo condiviso, ricco di crossover, riferimenti, easter eggs e sorpresine varie, come succede soprattutto nel mondo dei fumetti Marvel. 🌺 La passione per il world building e per tutti i vari sottogeneri della fantascienza ci ha spinti a lavorare insieme per creare un terreno condiviso in cui espandere le nostre idee."

Sono felice quando nascono queste collaborazioni tra autori. Il mondo dell'editoria è difficile, quello dei self ancora di più. È complicato emergere quando non si ha un ufficio marketing alle spalle. Ci sono molti autori che si dedicano alla scrittura come a una seconda professione, con dedizione a autentico talento, riuscendo a gestire in contemporanea un lavoro full-time, la casa e la famiglia. Con tutti i libri che escono all'anno, però, si fa fatica a farsi un nome. Ma forse la sinergia tra scrittori può essere la risposta a questa difficoltà. Si condividono i lettori e le energie. Certo, dev'essere molto difficile gestire il tutto, di sicuro bisogna essere affiatati per farlo!

Attendo con impazienza l'uscita del primo capitolo... vi terrò aggiornati!

lunedì 14 ottobre 2019

Alla Scala di Milano coi bambini



Il Teatro alla Scala è magico, si sa.
Molti credono, però, che si tratti di un Tempio dell'Arte elitario, solo per persone snob. Non è così! L'arte è aperta a tutti, abbienti e meno abbienti, grandi e piccini... e proprio ai piccini sono destinati i Grandi Spettacoli per piccoli, un'iniziativa meravigliosa. In cosa consiste? Be', la Scala organizza delle riduzioni di grandi opere pensate per un pubblico di bambini. Anche i prezzi sono piccoli piccoli: solo 1 euro per i bimbi! E i posti per gli accompagnatori adulti sono più convenienti rispetto agli spettacoli normali.


Domenica scorsa abbiamo visto La Cenerentola per bambini ed è stata una delle esperienze più belle che io abbia mai fatto a Milano. Avevo già visitato il museo della Scala, ma andare a uno spettacolo è tutta un'altra cosa... un'altra atmosfera... una MAGIA!



Come siamo entrati, Irene ha esclamato: "Mamma! Qua è tutto d'oro!" e come si è meravigliata, vedendo la spettacolare scenografia! E anche Linda, che ha soli 3 anni, ha seguito tutta l'opera da cima a fondo con grande attenzione.

L'unico problema? La Scala crea dipendenza... adesso voglio anche andare a vedere uno spettacolo per grandi! ;-)

venerdì 4 ottobre 2019

Quando la passione diventa un lavoro: GRAZIE BLOG!!


Un mio racconto pubblicato da Sbabam
Mi sono resa conto che non scrivo da parecchio tempo su Colorare la vita. Ma questo non per disinteresse, bensì perché il mio blog mi ha dato l'occasione di scrivere tanto, e non solo per passione, ma per lavoro!

Eh sì, si è avverato uno dei miei sogni... scrivere fiabe per professione. E tutto perché un editore ha notato le mie "fiabe brevi" proprio qui su Colorare la vita. Così ho iniziato una collaborazione con Sbabam, azienda italiana che produce riviste e gadget destinati all'infanzia.

Grazie a questa collaborazione, ho potuto anche trovare un altro lavoro freelance come copywriter. Un ambito che mi aveva sempre attirata, ma in cui non ero mai riuscita ad accedere perché non avevo nessuna esperienza nel CV. Sbabam invece ha creduto in me in base ai fatti, o per meglio dire: in base alle fiabe del mio blog. Il CV non me l'ha neanche chiesto. E così la passione per la scrittura, che ho sempre rincorso nonostante alcuni mi dicessero che era una perdita di tempo, mi ha portato fortuna.

L'ultimo anno per me è stato durissimo, ho avuto una brutta malattia e l'ho sconfitta, ma in mezzo a tutto questo ho anche trovato il lavoro dei mei sogni. Perché anche nei periodi bui si può trovare la luce!

Quindi: grazie blog!! Tornerò ancora su questi lidi, non so con quale cadenza, ma ci tornerò :-)