"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

mercoledì 12 novembre 2008

Omero, Iliade - Baricco

Omero, Iliade è un adattamento del poema omerico, pensato per essere letto in pubblico.

In genere diffido dalle riscritture di classici, perché rischiano di semplificare troppo l'opera e/o di modernizzarla in modo incontrollato, stravolgendola.

E invece Baricco riesce ad intervenire con grande onestà e ovviamente con altrettanto grande bravura!!

I brani sono scritti in prima persona, e questo ci rende i personaggi vicini; i fatti e la narrazione sono ripresi fedelmente, mantenendo per esempio le bellissime metafore dell'originale.
Sono state sfoltite le numerose ripetizioni, com'è ovvio, e le poche aggiunte (che approfondiscono i pensieri delle voci narranti) sono segnalate in corsivo.
A me è piaciuto in particolare il primo capitolo, narrato dalla schiava Briseide, e la vicenda del furto fatto da Ulisse e Diomede: Baricco ha saputo rendere benissimo il carattere dell'uno e dell'altro!
La scelta più azzardata è quella di tagliare l'intervento diretto degli dei, perchè Baricco ritiene l'Iliade un'opera estremamente laica. Forse non tutti i puristi lo condivideranno, ma è un punto di vista interessante.

Consiglio il libro a chi ha voglia di rispolverare l'epica, le battaglie degli eroi, ma anche le loro fughe, le sconfitte, i timori e le debolezze.

Come ultima cosa vorrei ringraziare chi mi ha regalato questo libro: Borbottina! Grazie al suo blog regala molti libri e altrettanti sorrisi... andatela a trovare qui!

Per acquistare il libro, cliccate di seguito: Omero, Iliade

4 commenti:

Auryn ha detto...

Baricco non mi è mai piaciuto (non sono mai riuscita a finire un suo libro), però nutro un'insana passione per la mitologia e l'epica greche (e latine): dici che è l'occasione buona per dare a Baricco un'altra chance?

Vele/Ivy ha detto...

Decisamente sì: anch'io non avevo mai letto niente di Baricco perchè lo ritenevo ostico, ma questo libro mi ha dato un'idea veramente positiva della sua scrittura!

FRA in wonderland! ha detto...

ne ho sentito parlare prima malissimo (dalla critica) poi bene. ora sono curiosa! :)

Vele/Ivy ha detto...

Bè, secondo me è un libro che vale la pena di leggere :-)