"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

domenica 17 gennaio 2016

Diario di una manga-dipendente

Cari amici di Colorare la vita,

sono molto felice di parlarvi di un nuovo progetto a cui tengo molto!

Finalmente pubblicherò un racconto a puntate tutto mio, sul blog di Codcast per cui collaboro da un po' di mesi. Si intitola "Diario di una manga-dipendente"!
Ecco il bellissimo logo preparato grazie all'aiuto della redazione di Codcast:



Cos'è? Un racconto a puntate divertente e veloce da leggere come un manga. Ogni episodio è auto conclusivo, quindi non serve aver letto tutto dall'inizio per apprezzare i diversi capitoli! La protagonista è Nina, una ragazza che adora manga e cartoni giapponesi.

Anche voi avere adorato i mitici "anime" giappi? Avete sognato di brandire lo scettro di Creamy o di pilotare il Daitarn 3? Allora partecipate! Il "Diario di una manga-dipendente" vuole essere un luogo di confronto per tutti i nostalgici dei bellissimi cartoni della nostra infanzia.

La prima domanda su cui confrontarci questa volta è "Quale cartone/manga vi ha resi o vi rende ancora dipendenti?"

Raccoglierò tutte le risposte e parlerò dei cartoni più gettonati nel corso dei vari episodi! Se volete dire la vostra, vi lascio il link del primo episodio: DIARIO DI UNA MANGA DIPENDENTE - EPISODIO 1.

PS. Vi chiedo la cortesia di descrivere i vostri cartoni/manga preferiti direttamente sul blog di Codcast, così riesco a raccogliere il materiale in maniera organica! Grazie!

lunedì 4 gennaio 2016

Perle di saggezza Giapponese

Cari amici di Colorare,


vi lascio un piccolo post che parlerà di saggezza, di come si imparino lezioni importanti frequentando persone di altre culture, e di come superare momenti difficili.

Come sapete, ho da poco perso il lavoro. L'ho presa meglio di quanto pensassi, me lo dicono tutti: del resto, avendo una bimba piccola da allevare, il mio bell'impegno ce l'ho già.

Eppure... spesso sogno del lavoro, e tutto quello che è successo mi sembra un incubo. E se penso ai cinque anni investiti in azienda, mi sembra assurdo che sia finita così. Mi sento un po' come quando finisce una relazione d'amore, quando vieni lasciato/a e ti chiedi: perché? Cos'ho fatto per meritare questo? (o meglio: "Cosa abbiamo fatto", visto che ci hanno lasciati a spasso in 120).

Ho pensato molto e trascurato un po' di cose, tra cui la corrispondenza con Keyko.

Proprio oggi sono andata a recuperare la sua ultima mail. Le avevo già accennato della perdita del lavoro e lei ha commentato il fatto.
Dopo tante frasi fatte che mi sono sentita dire, mi ha colpito il suo commento (in italiano bislacco, ma poi ve la spiego meglio):

Ti diverti il rimanente lavoro. 

Dunque, cercherò di spiegare. Era novembre, io avevo già avuto la notizia ma mi mancava un mese abbondante di lavoro. E lei mi scrive una cosa traducibile come: "Cerca di svolgere nel modo migliore l'ultimo periodo di lavoro rimasto".
A quanti Italiani o comunque Occidentali sarebbe venuto in mente di dire una frase simile? Io penso che sia tipica della saggezza orientale: invece di rimuginare sul presente/futuro, vivi appieno il momento presente. Svolgi il tuo compito fino all'ultimo a testa alta. 
Trovo che sia una lezione molto importante!
Cercherò di vivere il presente nel modo migliore, ora è il momento di pensare alla mia famiglia, poi si vedrà!

Ciao a tutti,

Vele

martedì 24 novembre 2015

Una nuova vita per Vele


Cari amici di Colorare,

non so bene da dove iniziare a raccontarvi del grande cambiamento che rivoluzionerà la mia vita tra pochissimo!

L'inizio di tutto è sicuramente stato il licenziamento collettivo che la mia azienda ci ha comunicato un mese e mezzo fa. Più di 100 persone lasciate a casa, le nostre mansioni esternalizzate in Polonia. 

É stato un periodo molto difficile, mentalmente e fisicamente. Ma poi ho deciso di riprendere in mano la mia vita e trarre il meglio da questa situazione.

Così ho deciso che sarò una mamma a tempo pieno. Ho scelto di non cercare altro, almeno per il momento, e di godermi la mia piccola Irene che ha da poco compiuto un anno e mezzo.

Mi dispiace ritirarla dal nido, visto che è una bimba socievolissima e ama stare con i coetanei, ma ho già individuato biblioteche per bimbi e tante attività adatte a lei per continuare a stimolarla.

Sarà un cambiamento radicale per una come me, abituata a fare la pendolare, lavorare in una grande metropoli e sostenere ritmi di lavoro serratissimi. Ma sono felice di fermarmi, finalmente. Il mio corpo mi stava dando da un po' dei segnali di logoramento...

In verità, è da un po' che ci stavo pensando. Per dei genitori senza nonni è difficile crescere un figlio in Italia, e col passare degli anni la mia bimba avrebbe dovuto trascorrere la maggior parte del suo tempo tra asili/doposcuola/baby sitter, e pochi attimi con la sua mamma. 

Ma certo, finché avevo un tempo indeterminato non mi sarei mai decisa a lasciarlo.

Quindi dal prossimo mese sarò una mamma a tempo pieno e scrittrice a tempo perso!

Nel poco tempo libero che mi rimarrà a disposizione (leggi: durante i pisolini di Irene in cui non dovrò occuparmi della casa) scriverò per Colorare la vita e per altri due siti, con cui collaboro con regolare contratto!

Il primo, lo sapete, è Codcast blog. Io la chiamo "un'isola felice", perché noi autori siamo molto liberi nelle nostre scelte e poi la redazione è composta da professionisti simpaticissimi e sempre disponibili. Sono proprio contenta di farne parte, è come una grande famiglia. Diversi amici, che hanno cominciato a leggere questo sito incuriositi dai miei articoli, sono poi diventati fedelissimi anche della pagina Facebook... e spesso mi ringraziano per aver fatto loro conoscere una piattaforma che propone contenuti tanto positivi, ironici, profondi e mai banali. Consiglio anche a voi di darci un'occhiata!
I miei articoli potete trovarli qui: Post di Ivy su Codcast blog.

Il secondo è MangaForever. Se amate il mondo dei fumetti lo conoscerete, è il portale più importante in Italia che lavora in quest'ambito. In effetti quando hanno accettato il mio articolo di prova non potevo crederci o___O Ma non voglio crogiolarmi troppo nel compiacimento, ho appena iniziato e sono ancora in prova! É un sito che richiede sempre news aggiornatissime, e comunque andrà a finire sarà stata in ogni caso un'esperienza davvero formativa per me. 
Siete curiosi di leggere i miei pezzi? Cliccate di seguito: Articoli di Ivy su MangaForever.

E ora che dire... in bocca al lupo a me per questa nuova avventura!

lunedì 16 novembre 2015

Esclusiva: "Trusting Darkness" + la copertina di "Immortals"!

Due notizie fresche fresche e in esclusiva per Colorare la vita: l'anteprima di Trusting Darkness e la copertina del racconto Immortals!


Cari amici di Colorare,

ormai avrete capito che sono una fan di Eva Fairwald (autrice che ha debuttato con la trilogia Le ombre di Dora). Vi presento quindi, in esclusiva, le novità che riguardano questa talentuosa autrice.

  • La prima esclusiva è questa: a dicembre uscirà per il mercato italiano "Trusting Darkness", romanzo dalle tinte distopiche e sci-fi.

Ecco la trama, gentilmente fornitami dall'autrice:

Il Capitano Ella Dorsh è forte, ben addestrata e… spacciata. È piuttosto sicura che il nemico stia conducendo il gioco e che la guerra raggiungerà la superficie molto presto, ma gli umani non sono ancora pronti.
Il Regno di Sotto è impoverito e la sua popolazione di elfi oscuri vuole conquistare il mondo e dominarlo. Ella e le altre “Divisioni di Rinati” sono l’unica vera possibilità per combattere il nemico ad armi pari: elfi contro elfi per risparmiare preziose vite umane. Tuttavia, nulla è così semplice come sembra e l’oscurità nasconde molti imprevisti.
La storia si svolge nel nostro mondo in un vicino futuro. Ci sono atmosfere dark, sci-fi e distopiche, con una protagonista femminile che non ha nulla da invidiare a qualunque altro soldato maschio!
Il romanzo parla di combattenti elfici coinvolti in qualcosa di troppo grande da evitare e di segreti pericolosi che cambieranno la vita e la storia sulla Terra per sempre.

Altre info utili:

AUTRICE: Eva Fairwald
TITOLO: Trusting Darkness
GENERE: Mix sci-fi, fantasy, distopico
USCITA in ITALIANO: DICEMBRE 2015
(già disponibile in inglese su Amazon.com)

  • La seconda novità in esclusiva, è la stupenda copertina di "Immortals", racconto legato a "Trusting Darkness", che uscirà in seguito.

Io la trovo meravigliosa, e voi?

PS. Per approfondire, ecco le recensioni pubblicate finora dei romanzi di Eva Fairwald :



venerdì 13 novembre 2015

L'ombra dell'anima, Eva Fairwald

Azione, passione, romanticismo: la conclusione della trilogia Le ombre di Dora non delude le aspettative. I personaggi vengono approfonditi ancora di più dalla sapiente penna di Eva Fairwald, che torna a deliziarci col suo stile impeccabile.


Come vi ho già anticipato in un'altra recensione, ho preso la decisione di leggere solo ebook che sono sicura essere scritti bene. Non ho più tanta voglia di leggere libri autoprodotti pieni zeppi di errori (o libri mediocri pubblicati da case editrici blasonate, se è per questo). Voglio andare sul sicuro! Così, facendo tesoro delle informazioni reperite grazie allo Spazio Esordienti, mi sono cercata gli ultimi romanzi di Eva Fairwald, autrice self-publishing molto ma molto (ma molto) brava.

Cosa succede ne L'ombra dell'anima? Rubo un po' di descrizione tratta da Amazon:
L’amore segreto di Dora e Connor viene messo a dura prova quando una nuova minaccia sorge dal passato di Daemon. Le anime di Dora e Riccardo sono ancora in pericolo, qualcuno le brama più che mai per i propri progetti disumani e solo il coraggio può salvarli. Chi è il priore della Rosa Penitente e che cosa cerca da millenni?
Ritroviamo quindi Connor e Dora: il loro rapporto si fa più maturo, ma anche più sofferto, il tutto condito con un pizzico di sana passcion.
Ma tornano anche gli altri personaggi, e mostrano una volta in più le loro luci e le loro ombre: Antonio, Maira, Daemon. Li ho amati tantissimo, ancora di più rispetto ai romanzi precedenti. Sono personaggi in bilico tra perdizione e redenzione, così affascinanti, così veri. La descrizione di questi tre caratteri, secondo me, porta la narrazione a un livello più alto rispetto a un semplice Young Adult.

In particolare, voglio ringraziare Eva per il destino che ha riservato a Daemon: non rivelerò nulla per non spoilerare, ma mi sono davvero emozionata a leggere come evolvono le sue sorti. É uno dei miei personaggi preferiti, forse il mio preferito di tutta la saga.
Ma anche Maira ha il suo perché.

Ci sono anche molte scene di azione, sceneggiate con maestria.

Bene. Adesso che ho finito la trilogia delle Ombre di Dora, cosa leggerò??
Niente paura: per fortuna Eva Fairwald è un'autrice molto prolifica e versatile. Dopo questa trilogia Young Adult, sta pubblicando una serie di novelle dalle tematiche sempre fantastiche, ma più adulte.
Il primo della serie è Law kills - avvocato per sempre.
Rimanete sintonizzati su queste frequenze, mi sa che recensirò anche quello ;-)

Intanto, ecco il link dove acquistare l'ultimo romanzo de Le ombre di Dora: 

L'ombra dell'anima


Per leggere i primi due romanzi, cliccate di seguito:

L'ombra dell'angelo - prequel
Potete leggerne la recensione di seguito: L'ombra dell'angelo - la recensione.

L'ombra del sole - primo romanzo

Invece, se volete leggere direttamente la trilogia completa, ecco il link:

Le ombre di Dora - la trilogia completa

mercoledì 4 novembre 2015

Un ricordo del cuore


Un prezioso ricordo del mio cuore è racchiuso nella "scatola dei cimeli" di Irene, ovvero la scatola dove ho iniziato a racchiudere le memorie della sua infanzia.
É un piccolo golfino rosa, adatto a una neonata di pochi mesi. Morbido e profumato.
É stato fatto a mano da una cara amica di famiglia, che chiamerò qui Mariella.

Mariella aveva le cosiddette mani di fata: faceva la pasta fatta in casa, la pizza, dei magnifici ravioli ripieni di erbe selvatiche raccolte in campagna, e poi dipingeva, cuciva e lavorava a maglia.

Era una donna solare e sognatrice, ma anche sicura di sé. Camminava sempre a testa alta, vestendosi con colori vivaci e portando con orgoglio i suoi chiletti di troppo. Era una bella donna cicciottina, sempre sorridente e sempre con la testa piena di nuovi progetti da realizzare. Una mamma affettuosa, una moglie adoratissima e un'amica preziosa.

Negli ultimi anni della sua vita, però, ha perso tutti i suoi chili di troppo. E non perché faceva la dieta, ma perché una brutta malattia l'ha privata gradualmente delle forze. Eppure continuava, instancabile, a dipingere, cucire, fare progetti.

Ha fatto in tempo a partecipare al matrimonio del figlio, con un bellissimo vestito azzurro da sirena. E poi ha confezionato il maglioncino rosa per Irene. Quel maglioncino è l'ultimo lavoro che ha fatto. Poi si è spenta, ancora giovane, lasciando un ricordo indelebile nel cuore di chi l'ha conosciuta.

Il suo ricordo mi ha ispirato un racconto che potete leggere qui: Tu mi piaci grassottina.

Dimenticavo: la sua canzone preferita era Rosalina di Fabio Concato. 
Ogni volta che la ascolto, mi viene in mente lei :-)

sabato 31 ottobre 2015

Fiaba breve di Haloween

C'era una volta un ragazzo di nome John, che aveva come unico desiderio nella vita quello di diventare famoso.

Provò audizioni per reality e quiz televisivi, cercò di diffondere i suoi video su Youtube, tentò di fare il disturbatore degli inviati dei TG. Ma tutti i suoi sforzi non condussero mai al successo, veniva costantemente ignorato dal grande pubblico.

Una sera, mentre vagava sconsolato per le vie del centro, notò che in tutte le vetrine campeggiava l'immagine di Jack O' Lantern. Era la notte di Halloween, e il buon Jack con la sua testa di zucca monopolizzava ogni angolo della città.

«Caro Jack, magari potessi essere famoso come te!» Esclamò John.
Proprio in quel momento, passò di lì una donna completamente vestita di nero, con un alto cappello a punta e un pentacolo al collo.
«E così vuoi diventare famoso come Jack Testadizucca, vero?» Gli chiese.
«Eh sì, magari» rispose quello, «a proposito, complimenti per il costume: sembri proprio una vera strega!»
Lei sorrise e sparì tra la folla, mormorando:
«Ci vuole proprio una testa di rapa per esprimere un simile desiderio in una notte come questa!»

Il giorno dopo, John si svegliò con una strana sensazione di pesantezza sopra al collo.
Andò allo specchio per radersi ed ebbe una terrificante sorpresa: la sua testa si era trasformata in una grande rapa, con intagliati sopra dei buffi occhi a triangolo e una bocca storta e ghignante.

Rimase perplesso per qualche secondo e poi si mise a ridere, ridere a crepapelle.
John Testadirapa! Il famosissimo uomo con la testa di rapa.

Suonava proprio bene. Finalmente sarebbe diventato famoso.

lunedì 19 ottobre 2015

Racconti fantasy di Halloween

Racconti fantasy di Halloween: streghe, bambole viventi, antiche maledizioni giapponesi... e in più, qualche idea per festeggiare la notte più paurosa dell'anno!

Cari amici di Colorare la vita,

come state?
Io, tra un impegno e l'altro, cerco comunque di rimanere attiva sul blog!
Anche quest'anno non mancherà il tradizionale racconto fantasy di Halloween! Questa volta si parlerà di un uomo che vuole diventare famoso come il caro Jack O' Lantern. E lo diventerà, ma pagando un prezzo altissimo.
Il 31 ottobre, quindi... vi aspetto qui!

Intanto, se volete entrare in atmosfera, al link di seguito potete leggere tante favole di Halloween, per tutti i gusti: 6 racconti fantasy di Halloween!
Troverete tutti i racconti del brivido che ho pubblicato nel corso degli anni sul blog, appositamente per questa ricorrenza. Qualche anticipazione? Una strega dell'epoca di Salem, una bambola che si innamora di uno scheletro, un gatto nero che salva la vita alla sua padrona, una ragazza giapponese dai capelli viola... beh, ora però mi fermo qui, non posso mica raccontarvi tutto ;-) Cliccate sul link indicato sopra, e sarete trasportati nel magico mondo di Halloween.

E non è tutto!
Se volete festeggiare Halloween in modo semplice e gratuito, ma non sapete come fare, ecco qui l'articolo che fa per voi: 5 idee per un Halloween fai da te!
Si tratta di un articolo scritto da me per il blog di Codcast Channel, con cui collaboro da qualche mese. Se volete leggere altri articoli nati dalla mia penna, cliccate si seguito: Articoli di Ivy.

Ci vediamo il 31 con la nuova storia di Halloween!

mercoledì 14 ottobre 2015

L'amore è come un pacco regalo

Un romanzo d'amore divertente e frizzante, romantico senza essere melenso, che cattura il lettore fin dalle prime righe!
Di cosa sto parlando? Ma del libro L'amore è come un pacco regalo!



Se siete alla ricerca di una lettura romantica e leggera, ma non superficiale, questa storia di Barbara Schaer fa per voi.
La protagonista è Giada, una ventinovenne che convive da due anni col fidanzato e si vede già sposata e madre di due figli (che chiamerà Marco ed Elisa). Tutti i suoi sogni ad occhi aperti sono spazzati via quando viene lasciata di punto in bianco. A questo punto inizia per lei una serie di eventi strampalati e surreali, in cui si troverà a diventare una celebrità senza volerlo, a ubriacarsi per la prima volta in vita sua, e a conoscere un ragazzo tanto affascinante quanto inaffidabile di nome Sebastiano...

L'amore è come un pacco regalo mi è piaciuto per diversi motivi. Innanzi tutto è scritto BENE. E questo è già un grande pregio, visto il desolante panorama letterario degli ultimi anni. In più è anche un romanzo autoprodotto, quindi le sue qualità stilistiche valgono ancora di più.
Del resto, con Barbara Schaer sapevo di andare sul sicuro. Avevo voglia di leggermi un ebook ben scritto con il mio Kindle, così sono andata alla ricerca di un'autrice che avevo già avuto modo di apprezzare grazie al mio Spazio esordienti. E non mi ha delusa!

Un altro motivo di apprezzamento è che la trama, pur trattandosi di un romanzo rosa con tutti i cliché del caso, presenta delle virate e dei colpi di scena improvvisi, che rendono la storia ben congegnata e non banale. Non perde mai per un secondo la sua verve. I personaggi sono simpatici e ho apprezzato alcune particolarità che li rendono un po' diversi dal solito. Per esempio, mi è piaciuto il fatto che il bel dannato di turno non sia un mega-riccone come va di moda adesso, ma un poveraccio che vive in una specie di topaia :-)

Concludo con una news: Barbara Schaer mi ha detto che uscirà un altro romanzo collegato a questo: uno specie di spin-off dedicato alla sorella di Giada, Giorgia. Spero proprio di leggerlo presto, visto che L'amore è come un pacco regalo si conclude con un colpo di scena proprio legato a Giorgia.

L'altra buona notizia è che L'amore è come un pacco regalo costa solo 0,99 €!
Potete acquistarlo al link di seguito: L'amore è come un pacco regalo

Per conoscere meglio l'autrice, ecco le recensioni degli altri suoi due romanzi:

Alis Grave Nil: una storia romantica, ma anche profonda, per chi ama i paranormal romance.
Onislayer: un urban fantasy dalle tematiche adulte, per chi ama il folklore giapponese!

lunedì 5 ottobre 2015

I libri della saga di Oz, L. Frank Baum

L. Frank Baum ha scritto molti libri della saga di Oz... ben tredici!!

In Italia però è famoso soprattutto il primo: Il meraviglioso mago di Oz. Ho deciso di leggere in originale questo capolavoro della letteratura fantastica e il suo seguito, cioè The Marvelous Land of Oz (Il meraviglioso paese di Oz o Il meraviglioso regno di OZ).
Ecco qualche commento sui primi due libri della saga.

The wonderful Wizard of Oz, Il meraviglioso mago di Oz

Nella prefazione l'autore si prefigge di far sognare i lettori trasmettendo l'incanto delle favole antiche e devo ammettere che la storia non disattende le aspettative.
Non si fa fatica a capire come mai abbia avuto così tanto successo: è un libro che parla sia ai piccoli sia ai grandi.

Ai bambini piace per gli strani e variegati personaggi, le avventure che essi vivono e le meraviglie di quel mondo, diviso in regni in cui tutto è di un unico colore. Nella terra dei Munkins alberi, prati, vesti sono blu, nella terra dei Gillinkins viola, per i Winkies il colore è il giallo, mentre per i Quadlings rosso.
Cliccate di seguito per vedere la mappa dei regni di Oz.

I grandi, invece, apprezzano i dialoghi ironici (di una comicità non sense), spesso geniali, e la forza dei personaggi. Paradossalmente, l'unico personaggio umano (Doroty) è quello più scialbo, quello che non evolve; mentre il Leone, lo Spaventapasseri e il Boscaiolo di latta evolvono  e catturano la simpatia del lettore con i loro desideri.

Ci sono anche delle scene forti, come quando il Boscaiolo di latta fa strage dei suoi nemici tagliando loro la testa. La sua stessa storia è cruenta, visto che era un uomo vero, ma a causa di un maleficio era stato spinto ad amputarsi una dopo l'altra tutte le parti del corpo, fino a sostituirle interamente con la latta.
Comunque il mio personaggio preferito è lo Spaventapasseri, che impara per la prima volta a conoscere il mondo tramite l'esperienza, poiché quando viene prelevato dal campo non ha mai vissuto.

Una storia quindi piena di incanto e verve, in cui la lettura procede spedita fino al celebre colpo di scena finale: il mago è un impostore. Nonostante ciò, viene definito un "brav'uomo" dai personaggi, sebbene abbia spinto una bambina indifesa ad andare a uccidere la pericolosissima Strega dell'Ovest.

Curiosità n.1: uno degli scenari più particolari è la Città di porcellana, da cui deriva il personaggio della bambola di porcellana che compare nell'ultimo film realizzato sulla saga di Oz, Il grande e potente Oz.

Curiosità 2: la strega dell'Ovest, al contrario dell'iconografia del cinema, non è verde. Verdi sono gli abitanti di Emerald City, che appaiono di questo colore grazie agli occhiali che il mago fa indossare a chiunque entri nel reame.

The Marvelous Land of Oz, Il meraviglioso paese di Oz o (Il meraviglioso regno di OZ)

Il secondo capitolo della saga è bello come il primo. Si apre con una scena memorabile: il ragazzino Tip per scherzo costruisce un uomo con la testa di zucca, a cui la vecchia maga Mombi dà vita con la Polvere di Vita.

Jack, l'uomo con la testa di zucca, proprio come come lo spaventapasseri de Il meraviglioso mago di Oz, vive tutto per la prima volta. Però, a differenza di lui, non diventa intelligente con l'esperienza. Continua a chiamare Tip "caro padre", ha la costante paura che la sua testa di zucca si rompa ed è comicissimo con quel sorriso perenne intagliato sulla faccia.

Tip e Jack si uniscono allo Spaventapasseri. Quest'ultimo era diventato re al termine del primo libro, ma ora è stato spodestato dalla giovane Jinjur e dalla sua armata di ragazze, che come unico scopo hanno quello di appropriarsi dei gioielli della città di Smeraldo. Nella fuga lo Spaventapasseri, Tip e Jack, con l'aiuto del Boscaiolo di latta, tramite la polvere della vita danno vita a un cavalletto (Sawhorse) e a un Gumb, cioè una creatura con corpo di divano, ali fatte con foglie di palma e coda costituita da una scopa. Si unisce alla compagnia anche l'acculturato Woggle-bug, un insetto parlante.

Verso la fine della storia i nostri eroi chiedono aiuto alla strega buona Glinda, che con un colpo di scena all'altezza del primo libro fa confessare alla vecchia Mombi dove si nasconde Ozma, legittima erede al trono. Si getta qui un'altra ombra sul mago di Oz, colpevole di aver separato la piccola Ozma dal padre Pastoria (allora re in carica) per poi consegnarla a Mombi quando era ancora in fasce.
Ozma può così appropriarsi del suo legittimo trono, mentre lo Spaventapasseri diventa Tesoriere Reale di Winkie Kingdom, governato dal Boscaiolo di Latta.

Curiosità 1: Ozma compare anche nel fumetto Fables.

Curiosità 2. Jack è anche un personaggio di Sandman.

Curiosità 3: Jack, Gump, Mombi e Ozma si possono vedere nel film dell'85 Nel fantastico mondo di Oz, versione piuttosto dark della storia di Baum. Vi confesso che io ADORO questo film *___*

Curiosità 4: la Marvel ha dedicato un'intera serie a Ozma.