"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

giovedì 29 gennaio 2009

L'eleganza del riccio - Muriel Barbery

L'eleganza del riccio, recente caso letterario di maternità francese, coinvolge poco alla volta... con delicatezza, o meglio con la discreta eleganza del riccio, appunto.

Inizialmente non mi convinceva molto: le due protagoniste (Renèe e Paloma) mi sembravano supponenti,  pronte a giudicare tutti dall'alto del loro intelletto, portatrici di un certo snobismo francese.

Ma conosciamole meglio: la portinaia Renèe, molto colta e sensibile all'arte, cela la sua vera essenza al mondo per recitare la parte della popolana ottusa. 
Paloma, rampolla dodicenne di ricca famiglia, odia i suoi parenti e vuole farla finita alla scoccare dei tredici anni. Entrambe sono brillanti e fantasiose, seppure auto-recluse in un isolamento che le esclude dal confronto diretto con gli altri.
Già in questa prima fase ci sono delle chicche: i racconti esilaranti di Paloma sui ristoranti chic o sui ricchi padroni alle prese con le voglie amorose dei loro cani, oppure le poetiche osservazioni di Renèe sulla bellezza delle "camelie sul muschio".

La storia però prende ritmo con l'arrivo dell'affascinante giapponese Kakuro, che tirerà fuori il meglio dall'una e dall'altra. Le due esterneranno i loro dubbi, le motivazioni che le spingono all'isolamento, i ripensamenti.
La sola cosa che non mi ha convinto è la filosofia spicciola che ogni tanto viene buttata lì con troppa semplicità. Viceversa, ho apprezzato tantissimo i riferimenti alla cultura giapponese e ai gatti!! Ecco, per esempio, la descrizione della micetta Costitution:
"... è una stupenda gattina con il pelo color caramello, il nasino rosa tenero, i baffi bianchi e i polpastrelli lilla".

Ma la cosa che mi ha colpita di più, e che mi ha fatto amare intensamente L'eleganza del riccio, è il finale.
Un finale improvviso, forte, che mi ha rimescolata dentro. Una conclusione commovente eppure ricca di speranza, che non può lasciare indifferenti.

Se volete leggere questo libro, cliccate sul link di seguito: L'eleganza del riccio

19 commenti:

Veggie ha detto...

Nooooo, "L'eleganza del riccio"... il mio libro preferitoooooo!!!!!!
<3
<3
<3
Adoro, adoro, adoro Paloma!!!
Non l'avete ancora letto?? Cosa state aspettando???!!

Francesca ha detto...

ho sentito giudizi assolutamente contrapposti su questo libro... però tu mi sembri molto sulla mia lunghezza d'onda come letture, quindi non posso non prendere nota ;-)

max ha detto...

Sarà sicuramente interessante..se poi ci sono pure riferimenti alla "degna di attenzione" cultura giapponese , si merita 10 punti in più....
te saluto Ivy e Anata ni sansei desu - Sono d’accordo con te .....

Pierluigi ha detto...

Un libro che non conoscevo, ma che grazie a te, comprerò sicuramente!

calendula / trattalia ha detto...

Sono un accanita lettrice, nell'elenco delle tue letture preferite ci son 2 autori che venero: primo tra tutti Calvino di cui ho letto tutto, e di cui adoro in particolare SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE e GLI AMORI DIFFICILI, bellissimi... Pennac idem.... lo adoro!! Benni non ne parliamo.... ( anche se ultimamente i suoi lbri hanno preso una piega molto più tragica dei primi e gli ho letti con molta angoscia soprattutto MARGHERITA DOLCEVITA... mi ha lasciato co l'amaro in bocca.... ) L'eleganza del riccio l'ho letto un paio di mesi fa mi ha totalemente affascinato, colpito al cuore il finale mi ha fatto piangere come una fontana... ho persino scaricato da internet i film del regista giapponese citato nel libro ( ozu se non sbaglio) non ho ancora avuto il tempo di guardarli.....
che bello entrare in un blog e vedere che si parla di libri!!!!
Un saluto dalla Sardegna
Calendula

Alfa ha detto...

E' già lì, nella pila dei libri da leggere. Lo metterò in cima alla lista.
Grazie!

Stella ha detto...

Non conoscevo questo libro.
Ora che ho finito di leggere Io e Dewey, cercherò questo in biblioteca.

Grazie: consigli sempre libri bellissimi ! ^___^

P.s. ieri sera ho rivisto Orgoglio e pregiudizio e mi è venuta voglia di rileggere il libro :)

Vele/Ivy ha detto...

@Veggie: ma dai! Non sapevo che ti piacesse così tanto!!

@Francesca: all'inizio non convinceva neanche me, ma col passare delle pagine mi ha presa sempre di più!

@Max: sissì, i riferimenti alla cultura giapponese sono copiosi!
E così sei anche tu appassionato di Giappone?

@Pierluigi: bene, se lo prendi spero che ti piaccia :-)

@Calendula: benvenuta!!
Caspita, abbiamo proprio gusti simili... anch'io ADORO Se una notte d'inverno un viaggiatore, trovo che sia geniale.
Benni lo amo, dai tempi di "Bar sport" ad ora. Margherita dolcevita mi ha colpita ed emozionata tantissimo, parte in modo brillante e apparentemente leggero per poi diventare tragico e toccante. Bellissimo.
E' bello parlare di libri con te!

@Alfa: bene, se lo leggi fammi sapere il commento!

@Stella: grazie!
Io adoro quel film, infatti ce l'ho in DVD. Uno dei pochi casi di un film che rende benissimo un classico della letteratura!

Domenico ha detto...

Ho letto solo la prima parte di questo post, visto che una di queste sere inizierò a leggere il libro e non voglio perdere il piacere della sorpresa. Il tuo blog è piacevole da leggere; è tenero e colorato. Sono uno di quelli a cui piace colorare la vita...il mio blog è: artistabivonese.blogpot.com
ciao.
Domenico

max ha detto...

Si Ivy ho una grande ammirazione per la cultura giapponese, nel corso della mia vita ho praticato diverse arti marziali tutte rigidamente giapponesi , a tutt'oggi sono praticante esperto di Aikido, pur ritenendo anche altri marziali valide (Cinesi,Coreane,Malesi)quelle Giapponesi sono per me le più belle...Inoltre ammiro il senso dell'onore dei Giapponesi (anche se il kara kiri lo trovo un'esagerazione), la bellezza degli abiti tradizionali delle loro Donne, e perchè no anche il loro cibo non mi dispiace...
te saluto Ivy

calendula / trattalia ha detto...

sarei felicissima dello scambio di link... però dovrai accontentarti di qualche post ogni tanto e di ualche commento ogni tanto sto studiando come una matta..... il mio preferito di Benni è SPIRITI...che tra l'altro parla della mia bellissima Sardegna, Benni ha la mamma sarda, infatti in molti suoi libri utilizza parole sarde come nomignoli ( molto spesso parolacce...che ridere!!!) corro a linkarti!!!!

Hobghap ha detto...

Lascio un inchino a Ivy per le gentili parole sul mio blog.
Hob

Vele/Ivy ha detto...

@Domenico: grazie per la visita! Io faccio sempre attenzione a non rivelare i finali dei libri, ma se vuoi mantenere intatta tutta la sorpresa hai fatto bene a non leggere tutta la recensione!
PS. i tuoi quadri sono bellissimi!

@Max: ma dai, che bello! Anch'io ho un debole per la cultura giapponese, fin da piccola... ho cominciato a leggere manga a tredici anni, e da allora il GIappone è sempre stato un mito per me!
Proprio venerdì ho scoperto, grazie ai miei colleghi, un ristorantino giapponese DOC... piccolo, con le tendine e il bancone, sembra quello dei cartoni animati! Si mangia bene e non si spende tanto, insomma: un vero angolo deliziosamente nipponico! Il cibo è strano, però a me piace molto e vado pazza per l'uso delle bacchette.

@Calendula: non ti preoccupare per la frequenza con cui posti, non c'è nessun problema! Intanto grazie per lo scambio di link, e per le informazioni sui nostri scrittori preferiti. Mica lo sapevo che Benni aveva origini sarde!

@Hob: ma che bello, uno gnomo ospite del mio blog! Un inchino anche a te, caro Hob.

Silvia ha detto...

ne ho sentito parlare tanto di questo libro!! prima o poi lo leggerò!

;-)

Auryn ha detto...

i polpastrelli lilla?? è nata a Chernobyl, quella gattina??

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Un'altra interessante segnalazione, sarà un piacere condividere le tue emozioni.

Buona gg Tiz. :-))

max ha detto...

Ma Ivy sei proprio una "grande"..lasciatelo dire!

Vele/Ivy ha detto...

@Silvia: leggilo, secondo me ti potrebbe piacere!

@Auryn: mah, non so se c'è una razza effettivamente con quei colori o se l'ha inventato l'autrice, ma a me è piaciuta l'immagine!

@Tiziano: bene, sono contenta di averti trasmesso delle emozioni!!

@Max: uelà... troppo generoso, grazie!

Pupottina ha detto...

è passato quasi un anno ... sì, credo che leggero il libro prima di vedere il film.... avrò il tempo di vederlo quando lo strasmetteranno su sky e nel frattempo mi procurerò questo libro che tanto sembra essere piaciuto a tutti...