"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

domenica 9 agosto 2009

La vipera e il cavaliere

Ehi... avete letto la premessa di ieri? Noo??
Bè, allora correte a leggerla!
Fatto? Bene, ora potete scoprire la nuova avventura della Villeggiante...

Era da un po’ di tempo che non rivedevo la Villeggiante, ma qualche giorno fa è rientrata nella mia vita per raccontarmi una storia incredibile. Ci siamo date appuntamento alla Feltrinelli vicino al Duomo, dopo il lavoro.


Mentre sfogliavamo i libri della sezione Fantasy, vedevo che fremeva dalla voglia di raccontarmi qualcosa… ma un qualcosa di così strano che perfino lei esitava. L’ho incoraggiata e alla fine mi ha detto:
“Vele, ti ricordi l’ultima volta che sono stata in villeggiatura? Quando ho conosciuto la vipera Cornelia?”
“Certo. Mi hai detto che vive nella stessa isola di Alfa, che ha modi distinti e che ti ha dato lo spunto per il prossimo mistero da indagare.”
“Sì, il fatto è che assomiglia al biscione dello stemma visconteo di Milano… ma ecco, devo rivelarti un’altra cosa: non era un metafora quando parlavo di modi distinti. E’ veramente un animale senziente, e parla. Solo a te posso raccontare cose simili! Non lo trovi strano, vero?”
Io ovviamente non ho battuto ciglio. A parte il fatto che sono cresciuta a pane e leggende e che incontro personaggi strani in continuazione, avevo già letto qualcosa di Cornelia nel blog di Alfa.
Così, una volta sedute sulle morbide poltrone della libreria, l’amica mi ha fatto leggere questa parte del diario rosso che tiene sempre con sé:

La Vipera Cornelia assomigliava stranamente all’immagine sullo stemma visconteo, fatta eccezione per il bambino in bocca naturalmente. Ricordavo di aver visto ad Orta questo affresco, così, non appena ho potuto mi sono recata nuovamente al lago d’Orta. Lì mi sono messa subito a cercarlo, fotografando nel frattempo quello che mi sembrava più interessante. Alla fine ho ritrovato l’affresco, su un edificio della Piazza.


Dopodiché ho deciso di tornare al rifugio di Alfa per chiedere spiegazioni. Come mi era accaduto la prima volta, mi è bastato sedermi su una barca per essere facilmente trasportata sull’isola. Lui non c’era, ma ho ritrovato Cornelia che mi ha accolto cordialmente, facendo gli onori di casa.
Le ho subito posto alcune domande:
“Signora Vipera Cornelia, potrei chiedere cosa hanno a che fare i Visconti con il Lago d’Orta?”


Arrivata a quel punto della lettura, la Villeggiante mi spiegò:
“Vedi, ho pensato di rivolgermi a lei chiamandola Signora Vipera Cornelia perché dai modi mi sembrava una vipera di alto lignaggio. Infatti mi ha trattata con molto riguardo.”
Io sorrisi: sapevo, grazie al blog di Alfa, quanto può essere suscettibile quella vipera se non trattata col dovuto rispetto; la Villeggiante aveva istintivamente trovato il canale di comunicazione migliore per rivolgersi a lei.
Proseguii con la lettura:

Lei mi rispose: “Invero la famiglia dei Visconti aveva possedimenti e castelli nella zona delle colline tra il lago Maggiore e il Lago d’Orta, come i castelli di Massino e Invorio, dove nacque Matteo I Visconti, primo Signore di Milano.”
“Molto interessante, Corn… ehm, Signora Vipera Cornelia! Mi piacerebbe, se non sono troppo indiscreta, fare luce su un altro punto: ho notato una strana somiglianza tra Lei e la vipera raffigurata sullo stemma dei Visconti. È solo una coincidenza?”

“Devi sapere, cara ragazza, che io e Sempronio discendiamo da una nobilissima e antichissima stirpe di serpenti parlanti. Un giorno una mia antenata, di nome Ginevra, si trovava in un prato, quando giunsero al galoppo numerosi cavalieri.


Temendo di essere calpestata da decine di zoccoli ferrati o uccisa a colpi di lancia dagli uomini che indossavano armature di ferro, si nascose sotto una pietra. Inaspettatamente uno di quegli uomini depose il suo elmo proprio accanto alla pietra, sdraiandosi nel prato per riposare. Ginevra rimase immobile per qualche minuto, poi si affacciò per vedere se c’era modo di allontanarsi indisturbata. Si accorse tuttavia che in cielo volteggiavano degli uccelli, così, temendo anche questo nuovo pericolo, decise di scivolare dalla pietra all’elmo e da questo ad un cespuglio poco distante.
Quando fu entrata nell’elmo, tuttavia, la celata si richiuse imprigionandola. Da quella prigione arroventata dal sole cercò a lungo una via di fuga, finché, quando le sembrava di aver trovato un varco verso l’alto, l’elmo fu improvvisamente scosso e sollevato, facendola quasi cadere. Sentì che qualcosa dì metallico stava entrando dentro ed in breve si trovò schiacciata tra la cotta metallica dell’uomo e l’elmo. Quando infine riuscì a fatica a strisciare fuori, si trovò in cima ad un elmo sulla testa di un cavaliere, in groppa ad un cavallo lanciato al galoppo.
Gli altri cavalieri notarono la scena e cominciarono ad urlare, indicando nella sua direzione. Qualcuno persino mise mano alla spada, ma nessuno osò menare un fendente per paura di colpire il Cavaliere. Quest’ultimo allungò la mano, guantata di ferro, afferrandola.
Ginevra, temendo per la sua vita, si decise a parlare:
“Azzone Visconti, Signore di Milano, risparmiami, come io non ti recai danno alcuno!”.
L’uomo, sorpreso per quelle inaspettate parole, l’osservò per qualche istante, dopo di che la lanciò su un cespuglio, dove atterrò morbidamente, invece che sul prato, dove sarebbe stata uccisa orribilmente. In seguito Azzone, ricordandosi di quell’episodio, inserì la Vipera nel proprio stemma, raffigurando se stesso come un bambino che esce indenne dalla sua bocca.”

Il brano terminava qui.
“E poi?” ho chiesto.
“E poi mi sono congratulata per il coraggio dell’antenata di Cornelia, e l’ho ringraziata per il suo racconto. Ti rendi conto? Una leggenda così antica, narrata dalla discendente della Vipera Viscontea! Se vuoi, puoi usare questa parte di diario per narrare la leggenda ai lettori del tuo blog e del blog di Alfa.”
“Sì, ma una volta risolto questo mistero? Ce ne saranno altri? E tornerai al lago d’Orta?”
Lei mi ha strizzato l’occhio con quel suo fare un po’ furbetto:“Certo che ci saranno altri misteri! E dove ci sono misteri, io sono sempre lì ad indagare… ”
Mistero a 4 mani ideato e scritto da Vele ed Alfa

20 commenti:

Alfa ha detto...

Ben fatto Vele1

ele ha detto...

Ma dai, io avevo dei compagni di classe di Massino Visconti e Invorio!
Comunque molto bella la leggenda! Mi fa riflettere sul fatto che la vipera è simbolo di cattiveria e inganno, il contrario di quanto narrato da voi.

Paola ha detto...

Letto tutto d'un fiato!!!!
Sapessi come mi entusiasmano queste leggende... misteri... vi faccio i complimenti di vero cuore... grazie
Ciao Vele ti auguro una serata fantastica sotto un cielo stellato... abbraccioni e bacioni

Alfa ha detto...

@ ele: Massino era una delle roccaforti dei Visconti.
Le vipere, per quanto potenzialmente pericolose se stuzzicate, normalmente sono animali pacifici e timidi.

@ Paola: grazie.

Vele/Ivy ha detto...

Grazie per i commenti, ragazze.
Per le risposte ai vostri quesiti, ci ha già pensato Alfa :-)

Stella ha detto...

Bellissimo racconto Vele!

Complimenti alla Villeggiante per il suo incontro con la signora vipera Cornelia.
Interessante la storia dell'antenata Ginevra ^___^

max ha detto...

Bravi interessante, mi fate venire in mente la scrittrice di Harry Potter che scriveva e viveva al limite della povertà(vabbè non dico che siete poveri in canna pure voi) , ma che aveva fantasia da vendere...guarda dov'è arrivata , altro che superenalotto....Vi auguro lo stesso destino....(me sembra che la scrittrice abbia ricoperto d'oro un mio amico che gli ha augurato in tempi difficili tanta fortuna....fate voi)..
ve saluto.
max

Vele/Ivy ha detto...

MAX, SEI IMPAGABILE!!
Se non ci fossi, dovrebbero inventarti!!!!
Appena ho letto il tuo commento ho subito avvisato Alfa di leggerlo, quando può!!
Sta tranquillo, appena diventeremo milionari (come no!) ti ricopriremo di euriiiiiiiiiiii!!
Ahahahah
^_________________________^

Vele/Ivy ha detto...

@Stella: grazie anche a te!!
Ginevra è una grande, sono diventata una sua fan!

Veggie ha detto...

I misteri sono sempre meravigliosi... così come il tuo modo di narrarli! Non vedo l'ora di leggere il prossimo!!

Alfa ha detto...

@ Stella: la famiglia di Cornelia è antica e di nobilissima stirpe. Talora, quando il sole tramonta e il fuoco arde nel camino, mi tiene ore ed ore ad ascoltare le storie dei suoi antenati...

@ Max: Ho sentito anch'io la storia dell'amico ricoperto d'oro (fuso). Adesso fa la sua brava figura nel salotto della Rowling come portaombrelli.
Di sicuro ci ricorderemo di te, quindi, caro Max... ;)

@ Veggie: grazie!

Errante ha detto...

Quante storie interessanti si nascondono nell'erba, nei boschi e nei laghi...

Vele/Ivy ha detto...

@Veggie: per "tuo" intendevi "tuo e di Alfa", vero? ;-)
Comunque grazie per i complimenti!!

@Alfa+Max: in effetti un portaombrelli d'oro si sposerebbe proprio con lo stile del mio appartamento (sissì...)!

@Errante: sì, se si va a "caccia" tra boschi e laghi, si possono scovare storie interessanti...

max ha detto...

Alfa piuttosto che regalare un pò di fortuna, preferisci regalarti un portaombrelli d'oro?
Ahiaiaiaiaiaiaiaiai....Me sa che un'ombrello te lo regalo io...
te saluto
;)

Alfa ha detto...

Caro Max, al contrario...
L'idea del portaombrelli nasce proprio dal desiderio di tenere per sempre accanto a noi un amico che così tanta fortuna ci ha portato!

Come nel mito antico, in cui coloro che erano cari agli dei erano trasformati in astri e piante e oggetti preziosi...

Ti ringrazio comunque per l'ombrello. Lo infilerò, a suo tempo, nel porta ombrelli, dove farà la sua graziosa figura...

;)

Pupottina ha detto...

che bella storia!
Cornelia mi è proprio simpatica!
bravissiti tutti e due
^____________________^

max ha detto...

Sono lieto che ti piaccia l'ombrello , come sono sicuro che tu sei molto più caro agli Dei del sottoscritto, quindi lo porterai sempre con te!
;)))
(Alfa naturalmente sto scherzando, mi è piaciuto questo simpatico "sfottò" alla romana tra amici, sei stato all'altezza di un grande "battutista della presa in giro" come il sottoscritto)

Alfa ha detto...

Naturalmente, caro Max, naturalmente.

Se gli dei saranno realmente propizi, come ci hai augurato, e potrò averti come portaombrelli coperto d'oro, non ti separerò mai dal graditissimo ombrello, te l'assicuro...

Vele/Ivy ha detto...

@Max&Alfa: avete finito di fare i galletti nel pollaio? Eheheh ;-P

@Pupottina: grazie mille!

Alfa ha detto...

Che vuoi farci, Vele, quando due "battutisti della presa in giro" s'incontrano son subito scintille...
;)