"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

sabato 9 gennaio 2010

Indignazione - Philip Roth

Indignazione: romanzo crudo, forte e dal messaggio finale struggente. Consigliatissimo.

La storia

Marcus, giovane americano di famiglia ebrea, ha sempre studiato diligentemente e aiutato il padre nel suo lavoro di macellaio.
Quando inizia a frequentare il college, però, il padre comincia a ossessionarlo con paure e limiti esasperanti, tanto da spingerlo a scegliere un'altra università. Lontano da casa, scoprirà che l'ambiente studentesco di Winesburg è molto più perbenista e repressivo di quello che immaginava...

Commento

Indignazione mi è stato regalato dal papà, con queste motivazioni: 1) "Almeno un romanzo di Roth devi leggerlo" e 2) "Sono curioso di leggere la tua recensione sul blog!" :)
Quindi... grazie papà!
Questo è un libro magistrale, quasi perfetto, il cui stile mi ha catturata fin dalla prima pagina.
La vicenda di Marcus è quella di un giovane che scopre l'indipendenza della vita universitaria, una vicenda in cui ci possiamo riconoscere in molti. Ma ben presto capiamo di trovarci ben oltre il confine del romanzo adolescenziale. La tragedia della sua esistenza - e in genere di tutte le esistenze - prende forma sia per motivi legati al periodo storico, sia per la natura della vita stessa.

Partiamo dal periodo storico. Siamo nel '51 e sulla vita dei giovani grava lo spettro della guerra di Corea.
Marcus si ritrova a studiare in un college ipocrita e bigotto, dove la polizia controlla che le coppiette non si palpeggino fuori dai locali, dove tutti sono obbligati a iscriversi alle confraternite, fare sport e partecipare alle funzioni religiose, nonostante si tratti di un istituto aconfessionale.
Chi non si uniforma viene osteggiato in tutti i modi, come la deliziosa, intelligente e problematica Olivia, che catturerà l'interesse del protagonista.
Uno dei punti più alti e trascinanti è lo sfogo di Marcus contro il Decano, autorità del college che non concepisce l'ateismo del suo studente ("Meglio ebraico che ateo", sembra che pensi). Davvero ho sentito dentro di me la parola IN-DI-GNA-ZIO-NE scandita come una marcia militare nella testa di Marcus, quando proclama:
"Non ho bisogno che i sermoni di qualche moralista di professione mi dicano come comportarmi. E certamente non ho bisogno di un qualche Dio che me lo spieghi. Sono del tutto in grado di condurre un'esistenza morale senza prestare fede a credenze impossibili da avvalorare e oltremodo inverosimili".

Ma il messaggio struggente, che ti fa rigirare le pagine del libro in testa anche dopo averlo terminato, è qualcosa di più, legato non solo al contesto storico. E' "il terribile, incomprensibile modo in cui le scelte più accidentali, più banali, addirittura più comiche, producono gli esiti più sproporzionati."


Titolo originale: Indignation
Traduzione: Norman Gobetti
Editore: Einaudi, 2009
Pagine: 136

Se volete leggerlo anche voi, cliccate di seguito:
Indignazione, versione ebook
Indignazione, versione cartacea

20 commenti:

Errante ha detto...

Anch'io devo leggere un libro di Roth, prima o poi.

calendula ha detto...

Philip Roth... mai letto nulla, ho visto un film tratto da un suo libro, e mi ha molto incuriosito.... il 23 è il mio compleanno... citerò Roth come possibile regalo di compleanno..

UomoTimorato ha detto...

Ho provato l'impulso di comprarlo immediatamente.
Pneso che lo farò, spero di non dimenticarmelo. Sembra mettere in luce molte delle mie (nostre?) teorie sulla società anche attuale...
Se dici che è anche scritto bene e sviluppa la tematica in maniera consona lo comprerò.
Mi interesserebbe sapere il tuo parere su Baricco e sul suo ultimo libro "EMMAUS". Ho letto solo "SETA" e mi è piaciuto, la tematica di questo nuovo libro mi intrigava...che te ne pare?

Pupottina ha detto...

ti hanno regalato un ottimo libro.
mi piace questo autore!!!

Vele/Ivy ha detto...

@Errante: secondo me potresti iniziare da questo :)
Non te ne pentirai!

@Calendula: era "La macchia umana" il film, per caso? Perchè in effetti ispira anche me!

@Uomo Timorato: sì, è scritto benissimo: vale veramente la pena leggerlo.
Per quanto riguarda Baricco, non è un autore che conosco molto. Di suo ho letto "Omero, Iliade", ho fatto anche la recensione qui, ormai un anno fa (http://colorarelavita.blogspot.com/2008/11/omero-iliade-baricco.html).
Poi mi ricordo che da ragazzina avevo iniziato "Seta", ma l'avevo abbandonato dopo qualche pagina perchè non mi piaceva. Forse non ero abbastanza matura, mah?
Comunque grazie alla tua segnalazione sono andata a leggere trama e commenti di "Emmaus" su IBS, un sito che consulto spesso perchè è fatto molto bene (www.ibs.it). Che dire... la trama in effetti è interessante, ma i commenti mi hanno smontata un po'. Ma naturalmente il modo migliore per farsi un'opinione è leggerlo in prima persona :)
Personalmente vorrei comunque leggerle prima di tutto "Oceano mare" per avvicinarmi all'autore, poi si vedrà.

@Pupottina: infatti, proprio un bel regalo: sono già interessata a leggere altri libri di Roth!

Camilla P. ha detto...

E' da quando è uscito che voglio leggere questo libro, non vedo l'ora di comprarlo :D

Lady Boheme ha detto...

Ciao Vele, questo libro è interessantissimo e sarà la mia prossima lettura! Baci e buon inizio di settimana!

AmosGitai ha detto...

Nell'augurarti buon anno (in ritardo) invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

Nuvolette ha detto...

dopo questa recensione mi sa che anch'io dovrò leggere qualcosa di Roth!!!

Veggie ha detto...

Si chiama "effetto domino"... lo sbattere delle ali di una farfatta a Tokyo, che provoca un uragano a New York... e la cosa più impressionante è che, a suo modo, è assolutamente vero...

Pupottina ha detto...

rispondo al tuo commento da me: lei dava per scontato che il sabato fosse sempre libero per tutti ... ed anche i suoi colleghi ... è il suo capo che aveva pensato che lei potesse andare a lavorare un po' ... anzi lo aveva deciso a quell'ora e glielo aveva comunicato ...
se fosse successa a me una cosa del genere avendo spento il cellulare come sempre di notte ed essendo sabato il messaggio non lo avrei letto prima della sera successiva ... a volte dimentico anche di accenderlo ;-)

Alfa ha detto...

Ho da leggere "La Macchia umana", ma prima devo finire alcuni altri libri...

cryceto ha detto...

sembra bellisimo, voglio leggerlo anch'io!!

max ha detto...

Ottimo libro per da un'ottimo autore!
:)

Pupottina ha detto...

ciao
sono passata per l'aggiornamento ... ripasso più tardi ;-)
ciao

Aria ha detto...

Ho letto solo un libro di Roth, era di mio nonno: Lamento di Portnoy , è un monologo di Alexander Portnoy che si rivolge al dottor Spielvogel, un psicanalista. Racconta il suo orrore contro l’antisemitismo nato negli USA nell’immediato dopoguerra. Racconta anche la sua vita, cerca di capire i suoi desideri che ripugnano la sua coscienza e perché a sua volta la coscienza contrasti i suoi desideri. Un libro molto particolare.
Un saluto

Alfa ha detto...

Tutto ok?
ciao!

Vele/Ivy ha detto...

@Camilla: sei informatissima sulle uscite libresche!

@Lady Boheme: grazie mille, sono contenta che ti abbia interessata!

@AmosGiatai: votato ;)

@Nuvolette: leggi, leggi!! ^____-

@Veggie: per me non è proprio l'effetto domino... è qualcosa legato di più alle nostre scelte, anche se a volte ci sembrano "accindentali, banali o addirittura comiche". E' un libro che suscita riflessioni interessanti, vero?

@Pupottina: aaah, ora ho capito... grazie per la delucidazione!

@Alfa: il guaio è che ci sono sempre un sacco di libri interessanti da leggere, e non si sa mai da quale partire!

@Cryceto: se lo leggi fammi sapere che ne pensi!

@Max: proprio così!

@Pupottina: ultimamente ho deciso di aggiornare con un ritmo più "rilassato"... ;P

@Aria: che bello il tuo riassunto, grazie per avermelo scritto. In effetti sembra un libro molto particolare.

@Alfa: sissì, non ti preoccupare :D
Come ho scritto a Pupottina, ho deciso di aggiornare il blog a ritmi meno serrati, per fare le cose con più calma!

Rita Baccaro ha detto...

Prima di tutto ti ringrazio per avermi segnalato questa tua recensione con la quale ho potuto notare da quanto tempo che hai aperto il tuo blog.. particolare che mi era sfuggito. Complimenti!!!
E complimenti a tuo padre per il consiglio, deve essere proprio un tipo interessante il tuo babbo!!
Roth non lascia indifferenti ed bello il suo stile asciutto, diretto e l'analisi critico-storico-sociologica che riesce a compiere per inquadrare sempre il contesto dei suoi romanzi, per cui i protagonisti non sono staccati e avulsi dal tempo in cui vivono.
Brava.. ma chissà quanti altri post sarebbe piacevole leggere dal tuo ricco archivio!!

Vele Ivy ha detto...

Grazie Rita! Colorare è in effetti attivo da maggio del 2008, ormai da 3 anni e mezzo! Sono molto contenta dei lettori che ho trovato in questi anni, i vostri commenti fanno crescere il mio blog :-)