"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

mercoledì 20 ottobre 2010

Le figlie del libro perduto -. Katherine Howe

Brava brava Katherine Howe, che ha saputo scrivere un libro sulla tematica delle streghe di Salem, mischiando abilmente storia, stregoneria e un pizzico di Wicca, senza però scadere mai nell'esoterismo da quattro soldi.


Ho letto alcune critiche negative, ma invece a me Le figlie del libro perduto è piaciuto molto. Certo, la protagonista Connie è la classica studiosa avulsa dal mondo reale, mentre risultano più simpatici altri personaggi (come la coinquilina Liz, concreta ma allo stesso tempo persa nel romanticismo della letteratura medievale), ma nel complesso sono rimasta davvero soddisfatta, anche perchè le tematiche trattate mi interessano molto.

Pensate che l'autrice ha veramente delle antenate che sono state processate di stregoneria a Salem nel XVII secolo, proprio come Connie, che scopre di avere delle "streghe" in famiglia. Comincia così la ricerca di un antico libro scritto dall'antenata Deliverance Dane, testo che comprende ricette, rimedi e incantesimi risalenti al cristianesimo pre-riforma.
La domanda alla base della storia è questa: è possibile che le streghe processate e impiccate a Salem fossero davvero dedite alle pratiche magiche? Secondo l'autrice sì, e questa è la svolta del romanzo. Ovviamente non è la stregoneria come la intendiamo noi, ma un insieme di ricette e credenze tramandate di madre in figlia, che risultano molto scomode alla morale puritana.
Alla fine c'è un'interessate appendice storica, che chiarisce quanto di vero è quanto di inventato c'è nel romanzo. In conclusione, ho trovato questa storia davvero godibile e interessante!

Titolo orgininale: The physick book of Deliverance Dane
Traduzione: Valentina Daniele
Edizione: Salani 

Se vuoi leggerlo anche tu, clicca di seguito:
Le figlie del libro perduto versione cartacea
Le figlie del libro perduto versione ebook

13 commenti:

Vonetzel ha detto...

Grazie della bella recensione Vele!...

Lady Boheme ha detto...

Tesoro, complimenti per la splendida recensione di questo romanzo molto interessante e coinvolgente!!!!
Un abbraccio e buona giornata

Veggie ha detto...

Connie?!... Come una mia carissima amica!
Questo a parte, il libro m'intriga... Perchè credo che tutte le vicende accadute abbiano una doppia verità... e che anche la domanda centrale del libro possa avere 2 risposte uguali e contrarie... ed è bello indagare e vedere l'indagine dei 2 pareri...

Bookaholic ha detto...

Credo mia madre abbia questo libro a casa... Devo dare un'occhiata, sisi!

Pupottina ha detto...

mi hai incuriosita ed ho voglia di leggerlo!!!

buon weekend ^___________^

Geillis ha detto...

L'argomento sembrerebbe proprio uno dei miei preferiti!!

Pupottina ha detto...

buona domenica ^__________^

Lukino's pictures ha detto...

...ma toglimi una curiosità...a che velocità leggi???
cioè devi finire minimo un libro a settimana per postarne così regolarmente!

max ha detto...

Questo libro è proprio il genere mio!!!!
aggiudicato!!

AurynKK ha detto...

piccolo invito per te:
http://aurynkk.splinder.com/post/23484217/meme-infantile

Hobina ha detto...

Ciao...bello il tuo blog! Questo romanzo l'ho letto anch'io qualche mese fa...anche a me è piaciuto moltissimo...

Vele/Ivy ha detto...

@Tutti: grazie a tutti ragazzi, sono contenta che le mie recensioni vi piacciano!! ^___^

Silvia ha detto...

Vorrei leggerlo da quando è uscito... ma non mi sono ancora decisa; quindi lo consigli?

;-)