"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

martedì 1 febbraio 2011

Le lacrime della giraffa - Alexander McCall Smith

Le lacrime della giraffa: un giallo dallo sviluppo semplicistico, ma con un'ambientazione stupenda e una protagonista simpaticissima.

Trama: la signora Precious Ramotswe è titolare della "Ladie's detective agency N.1", la prima agenzia di detective del Botswana. Accetterà si indagare su un caso molto delicato: una donna americana le chiede di far luce sulla scomparsa del figlio, avvenuta in circostanze misteriose dieci anni prima.

Commento: l'avvertenza a questo libro è che non bisogna aspettarsi un giallo di grande struttura. Il "mistero", infatti, è risolto in modo molto semplicistico, sulla base dell'intuito femminile e delle sensazioni date da una vecchia foto. Da questo punto di vista, la trama non è molto consistente.

Interessante è invece l'ambientazione: l'autore, nato e cresciuto in Africa, descrive in modo delizioso le usanze tradizionali del Botswana, i paesaggi, perfino l'architettura tipica delle case. E poi la protagonista è veramente simpatica, con la sua indole dolce, indipendente e allegra, nonostante un passato travagliato.
E' quindi un romanzo piacevole, non certo un capolavoro del giallo ma comunque godibile.

Titolo originale: Tears of the Giraffe
Titolo italiano completo: Le lacrime della giraffa: Un caso per Precious Ramotswe, la detective n° 1 del Botswana
Traduzione: Stefania Bertola
Edizione: Guanda
Pagine: 235

Se volete leggerlo anche voi, ecco dove potete farlo:
Le lacrime della giraffa formato ebook
Le lacrime della giraffa formato cartaceo

11 commenti:

Luigi ha detto...

e quando uscirà il mio libro lo leggerai???

Lady Boheme ha detto...

La trama è interessante e mi piace molto la tua recensione, bravissima! Un abbraccio

Silvia ha detto...

Interessante.... prendo nota!

;-)

Veggie ha detto...

In ogni libro bisogna saper cogliere quelli che sono gli aspetti più interessanti... già l'integrazione di mystery e cultura mi sembra un cosa più che positiva, no?!...

Vele Ivy ha detto...

@Luigi: ma con molto piacere! Tienimi informata :-)

@Lady: grazie, un abbraccio anche a te!

@Silvia: bene, se lo leggi fammi sapere!

@Veggie: sì, è una cosa positiva, anche se in un romanzo di detective mi sarei aspettata una trama più strutturata. Vabbè, mi rifarò con la mia adorata Agata...

Lu ha detto...

Uh! Uh! Io! Io!
Innanzitutto mi piace la copertina, mi piace come ne parli e mi piace la casa editrice Guanda.
E io sono tra i sostenitori della tesi secondo cui i gialli non devono essere intrighi imperscrutabili, delitti dalla costruzione arzigogolatissima. Hai mai letto qualcosa della Fred Vargas? L'Ispettore Adamsberg è un personaggio straordinario, e potrebbe piacerti: Adamsberg è, come viene descritto, "uno spalatore di nuvole"... Splendido! :-)

"...il poliziesco è una specie di favola, ironica o tragica o celebrale. Non sopporto i gialli ultraviolenti che raccontano crimini complicatissimi (che nella realtà non esistono): un delitto è sempre semplice."
Fred Vargas

Vele Ivy ha detto...

Grazie il commento, Lu! Hai scritto un approfondimento davvero interessante, che può essere utile a tutti noi lettori!
Non conoscevo l'autrice, infatti ho già inserito il suo libro nella mia lista personale del sito della biblio, così mi ricordo di prenderlo in prestito.
Per quanto riguarda i miei gusti in fatto di gialli, non sono una specialista del genere... non mi piacciono i "gialli ultraviolenti", ma adoro Agatha Christie. So che è scontato dirlo, ma è così! Forse sono abituata troppo bene ed è difficile trovare la stessa genialità nei libri di genere affine...

let ha detto...

McCall Smith!!! nella sua semplicità è davvero gradevole, hai ragione!
Lo sai che, oltre alla serie ambientata in Botswana, ce n'è un'altra ambientata ad Edimburgo? E' molto differente, ma lo stile piacevole e la semplicità rimangono.

Vele Ivy ha detto...

Ciao Let! Proverò a leggere un romanzo anche di quella serie, ho letto qualche trafiletto e mi sembra invitante :) Baci

^_^ BasilicoeMentuccia ^_^ ha detto...

Ho adorato questo libro.. sarà che in Botswana ci sono stata, ma l'ambientazione è stata quella che mi ha spinto a sceglierlo, e devo dire che dq quel punto di vista non mi ha deluso.. La semplicità di Precious, la sua intraprendenza, l'amore per Matekoni... indimenticabile!

E se ti va, passami a trovare:

www.viaggidinchiostro.blogspot.com

Vele Ivy ha detto...

Sei stata in Botswana??
Che bello!!
Grazie per la visita, ora vado a curiosate sul tuo blog...