"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

domenica 25 settembre 2011

L'alba del pianeta delle scimmie


Nel 2011 la Saga de Il pianeta delle scimmie ha ancora da dire la sua, per fortuna.
La fonte originale è il romanzo del 1963, scritto da Pierre Boulle (La planète des singes), in cui il protagonista si trova catapultato in un pianeta dove le scimmie sono la razza dominante, mentre gli umani sono trattati alla stregua di animali.

Il cinema riportò la storia nel 1968, con un primo film intelligente e ricco di riflessioni sulla natura dell'uomo. Sempre in quegli anni si avvicendarono vari sequel, con alterne fortune.

Giungendo ai giorni nostri, Tim Burton si è cimentato in un remake nel 2001. Per chi, come me, è un estimatore della saga, questa versione è stata davvero una delusione: non aveva niente dell'intelligenza e dei messaggi dell'originale.

E nel 2011?

Bè, proprio ieri è uscito L'alba del pianeta delle scimmie, che mi sono catapultata a vedere.
E' la narrazione di come le scimmie abbiano iniziato la conquista del pianeta, cominciando ad alterare gli equilibri uomo= conquistatore, scimmia=animale da laboratorio.
Il nome della scimmia che dà inizio alla rivolta è Cesare, come nella saga originale. All'inizio si narra come questo cucciolo di scimpanzé, geneticamente modificato, approdi nella casa del ricercatore che gli ha salvato la vita. Niente di particolarmente originale: il piccolo si fa amare dalla famiglia adottiva, mentre il mondo esterno gli è ostile a causa della sua diversità.
Ma tutto si fa interessante quando Cesare cresce e matura il proposito di iniziare la rivoluzione. Apprende che gli esseri umani rinchiudono i suoi simili, che sono degli aguzzini, e decide di schierarsi dalla parte della sua specie.
L'espressione di Cesare, risoluta e penetrante, non può fare a meno di coinvolgere lo spettatore.
Si tratta di un film epico e potente, che finalmente riporta alla ribalta la saga e la rende attuale. Il mio giustizio è quindi decisamente positivo!
La cosa che mi ha lasciata più soddisfatta, in generale, è che oltre agli effetti speciali e le scene ad effetto c'è una vera riflessione sulla natura umana/animale che rende giustizia all'originale. La sconfitta dell'uomo è opera dell'uomo stesso, che con le sue manipolazioni sugli animali darà inizio ad un processo inarrestabile. Le scimmie, d'altro canto, sviluppano la loro intelligenza ma hanno qualcosa che li differenzia dall'uomo, e si vede nelle scene in cui stanno per uccidere degli esseri umani: non lo fanno mai a sangue freddo, c'è sempre un'esitazione a monte, oppure una forte motivazione che in qualche modo giustifica l'atto.

Ho apprezzato anche i vari agganci alla saga originale, come ora vi spiegherò (saltate la parte successiva se non volete leggere troppe rivelazioni sullo sviluppo della trama e sul finale).

RIMANDI ALLA SAGA ORIGINALE
- Una delle scene più belle è quando Cesare dice la sua prima parola.Come apprendiamo nel terzo film della saga originale (Fuga dal pianeta delle scimmie, 1971), la prima scimmia che parlò disse la cosa che gli esseri umani gli avevano ripetuto tante e tante volte: NO.
Ne L'alba del pianeta delle scimmie questa sequenza è da pelle d'oca.
- Ad un certo punto si vedono dei ragazzini che consegnano un giornale col titolo Lost in space, riferimento ai capitoli successivi della saga, che vedono appunto come protagonisti degli astronauti persi in un pianeta sconosciuto.
- La prima scimmia intelligente (la mamma di Cesare), viene chiamata Occhi Lucenti, in originale Bright Eyes. Questo è proprio il soprannome che nel primo film del 1968 usava la scimmia Zira per chiamare l'umano che avevano catturato e rinchiuso in gabbia.
- Alla fine viene rivelato che alcuni uomini sono rimasti infettatti da un virus, che minaccia di propagarsi. Sarà per questo che, sempre nel film del '68, la razza umana non sarà in grado di parlare?

Questi sono i rimandi che ho trovato io, se qualcuno di voi ne ha altri da segnalare è il benvenuto!

13 commenti:

Lady Boheme ha detto...

Complimenti per la fantastica recensione!!! Bravissima, baci e buon inizio di settimana

Pupottina ha detto...

ciao Vele
rieccomi dopo una vacanza al mare durata troppo poco come sempre accade per le vacanze...
grazie per la recensione veramente approfondita che hai scritto.... non sapevo se vederlo questo film ma il tuo entusiasom ed il tuo parere così positivo me lo rende interessante e quando capiterà in tv cercherò di non perderlo...
buon inizio settimana

;-)

Gabe ha detto...

ottima recensione,buona settimana

Vele Ivy ha detto...

@lady: grazie di cuore!

@Pupi: è davvero coinvolgente, ti consiglio la visione!!

@Gabe: grazie, altrettanto :-)

max ha detto...

Ottima recensione!!!!Ho acquistato in edicola 2 giorni fa "il pianeta delle scimmie" la saga completa con tutti i 6 precedenti film (a 19 euro), la saga la conosco gli do una ripassata e poi mi vedrò l'ultimo al cinema ....ciao

Carolina Venturini ha detto...

Questo genere di film non mi ha mai attirata molto, a dire la verità.... Ti ho risposto da me, se vuoi. :-)

Mari da solcare ha detto...

Ciao,Vele: complimenti per l'ottima recensione! Gareggi in bravura con Veronica, blogger di "Sguardi notturni"!

Silvia ha detto...

Ho sempre adorato questa saga! Specialmente il primo film del 1968 l'ho visto centinaia di volte, adoro soprattutto la scena finale sulla spiaggia! Effettivamente, il remake di Tim Burton non ha saputo riportare l'intelligenza del film originale... però tutto sommato non mi è dispiaciuto il suo film; ora sono curiosa di vedere questo! Bella recensione e brava a trovare le tante citazioni dei film precedenti!

;-)

TuristadiMestiere ha detto...

la recensione mi fa comodo per approfondire l'argomento, visto che non ho letto il libro né visto nessuno dei film :/ Perdonata??? :) P.S. mamma mia la locandina però ha un che di inquietante...quegli occhi sembrano proprio umani...

Doctor Peter and Mister Hook ha detto...

Restando in tema di primati pettinati, ho apprezzato moltissimo l'ultimo remake di King Kong. Questo invece mi manca, ma l'ho già segnato. Ciao, grazie e complimenti per la trasmissione.

Veggie ha detto...

L'originale era estremamente più bello, anch'io sono rimasta delusa... qui c'è tante effetto speciale ma poco arrosto... Adesso non ho ancora visto l'ultimo capitolo della saga... vedrò di documentarmi, poi ti faccio sapere...

Vele Ivy ha detto...

@Max: ottima quell'uscita in edicola, hai fatto bene ad accapparartela!

@Caro: grazie per la risposta, mi ha tolto tutti i dubbi!

@Mari: grazie! Non conosco quella blogger, ma mi hai incuriosita: appena ho un attimo di tempo vado a vedere!

@Silvia: che bello, un'altra amante della saga! Sono sicura che questo film non ti deluderà!

@Turista: in effetti le scimmie che subiscono la mutazione acquisiscono proprio quella sfumatura degli occhi, hai notato un particolare interessante!

@Doc: quello di Peter Jackson? A me è piaciuta la seconda parte, la prima l'ho trovata un po' lunghetta...

@Veggie: fammi sapere la tua opinione! :-)

TuristadiMestiere ha detto...

veleeeeeeeeeeee ho bisogno del tuo voto per vincere un week end come reporter in europaaaaaaaaaaaa