"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

domenica 11 dicembre 2011

Racconto natalizio: la fabbrica dei balocchi

Chi mi sa descrivere la fabbrica di babbo Natale?
Sicuramente la immaginerete tutti come un luogo in cui Babbo Natale e gli elfi, indaffarati, costruiscono trenini di legno, bambole di pezza, animali intagliati nel legno eccetera.
Immagine di Jesus Blasco
Da molti anni anni, però i bambini non ricevono di certo questo tipo di doni! Sotto l'albero troviamo Barbie, Gormiti, peluche della Trudi, videogiochi e tutto ciò che le grandi industrie di giocattoli propongono. 
Babbo Natale ne ordina gran quantità ogni anno e per questo gli fanno uno sconto non indifferente.

- E la fabbrica dei balocchi? - Chiederete voi.
Ovviamente c'è ancora, se no come fanno gli Elfi e Babbo Natale a comprare i giocattoli moderni, senza una loro fonte di guadagno?
I bellissimi manufatti vengono ormai venduti a collezionisti e antiquari, musei delle bambole, mercatini natalizi e appassionati in genere dell'homemade. Inoltre gli elfi gastronomi commerciano degli ottimi biscotti allo zenzero, venduti in tutto il mondo. Insomma, la fabbrica c'è, solo che ha cambiato uso.

Pigotte fatte a mano

Eppure, vi rivelerò un segreto: Babbo Natale, a volte, ama infilare nel suo sacchetto qualche autentico regalo proveniente dalla sua fabbrica. Se da piccoli avete trovato sotto l'albero un pupazzo di pezza, una bambola di stoffa, un giocattolo di legno, una copertina di lana, un vestitino fatto a mano, qualcosa con un fascino antico e particolare... ebbene, sappiate che è un regalo speciale della magica fabbrica di balocchi.

16 commenti:

Il lago dei misteri ha detto...

Speriamo che non decida di delocalizzare anche Babbo Natale...

Silvia ha detto...

Mi piacciono tanto le bambole di pezza! E quando ne vedrò una in qualche negozio... d'ora in avanti saprò che proviene dalla fabbrica di Babbo Natale!!!

;-)

la stanza in fondo agli occhi ha detto...

Grazie, questo post mi ha fatto sognare e ricordare come era il Natale per me, tanti anni indietro

ele ha detto...

Non so perché, ma mi diverte molto l'immagine di Babbo Natale che ha a che fare con calcoli di convenienza economica e sconti quantità!

Luigi ha detto...

grazie...
e io che conoscevo solo la fabbrica di cioccolato!!!

TuristadiMestiere ha detto...

un anno sotto l'albero trovai una bellissima bambola di pezza. Sono sicura che costava molto poco, perché "babbo Natale" stava pagando costose rate di mutuo per comprare la "fabbrica dei balocchi". Eppure io l'ho amata come pochi giocattoli. Colgo l'occasione per abbracciare i miei adorati genitori, che mi hanno regalato la magia del Natale con poco, ma condito da tantissimo amore. E grazie a te, per aver fatto riaffiorare questo ricordo.

Pippicalzelunghe ha detto...

Ciao rieccomi cara Vele!!!Anche se i bambini chiedono sempre i dono alla moda...penso che se ricevessero da Babbo Natale doni come hai descritto sarebbero ugualmente contenti...

Vele Ivy ha detto...

@Il lago: ma noooo, Babbo Natale non può essere delocalizzato dal suo magico villaggio, se no non potrebbe più fare magie!

@Silvia: già! Pensa che bello: dietro ogni giocatolo fatto a mano può nascondersi la mano di Babbo Natale!

@La stanza: sono molto contenta dei ricordi che ti ho suscitato :-)

@Ele: ma in verità Babbo Natale è molto più moderno e all'avanguardia di quel che pensiamo!

@Luigi: anche quella non è niente male!

@Turista: ma grazie a te! Ci hai raccontato un bellissimo ricordo, che racchiude la magia del Natale! I regali più belli non sono per forza i più costosi, anzi!

@Pippi: già! Secondo me è bello trovare sotto l'albero sia doni "alla moda" che balocchi più artigianali.

max ha detto...

Accidenti...c'è la crisi pure per Babbo Natale, speriamo non si venda le renne per ripiegare su un abbonamento trambus....

Veggie ha detto...

Quelle bambole di pezza sono molto più belle di tutti i regali elettronici che sono fiorniti ultimamente...

Vonetzel ha detto...

Le bambole ci pezza mi ricordano la mia infanzia...
I regali alla moda invece mi ricordano che la mia bimba di due anni vuole già la casa di Barbie (sempre in auge ed eterna!)... ;-)

Vele Ivy ha detto...

@Max: ma noooo, sono sicura che lui non risentirà mai della crisi!

@Veggie: non credo che i regali elettronici siano poi così recenti: mi ricordo che c'erano anche quand'ero piccola io. L'importante è non far crescere i bimbi sono con quelli, ma anche con giocattoli più artigianali e creativi :-)

@Von: aaah, la casa di Barbie!! Io non osavo nemmeno desiderarla, era un lusso troppo grande! ;-) Però avevo la casa a forma di fungo dei puffi! Bellissima!!!

DOC ha detto...

Certo, con la teconologia che avanza per Babbo diventa sempre più dura (penso ad esempio alla diffusione dei camini elettrici), ma grazie a lui i giocattoli di un tempo manterranno per sempre il loro indiscutibile fascino. Ciao.

DOC ha detto...

Scusa, "la teconologia" non è un neologismo, solo un refuso :P

Vele Ivy ha detto...

Teconologia= tecnologia da rinchiudere dentro una teca :-)

Pupottina ha detto...

O_O quanti bei post mi sono persa.... ora con calma recupero.... questo mi ha fatta tornare bambina.... lo sai che mi ponevo più o meno le stesse domande?
le Barbie erano sempre nella mia lista ;-)