"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

venerdì 2 marzo 2012

A pochi passi da te, Roberto Pellico

Cari lettori,

oggi vi parlerò con molto piacere di un giovane scrittore emergente, Roberto Pellico. E' stato così gentile da mandarmi il suo ebook chiedendomi una recensione, e sono stata davvero felice dello scambio! :-)

A pochi passi da te parla della tematica dell'amore gay attraverso dieci racconti. Per farvi entrare nello spirito del libro, vi riporto una citazione dalla premessa:

Avrei potuto camuffare la realtà e spacciare questi racconti per pura immaginazione. O peggio ancora, avrei potuto adattarli, come mi aveva suggerito un editore, e renderli più ordinari.Ho preferito avere fiducia nei lettori anziché nelle statistiche... e poi, come avrei spiegato a quelle persone a cui avevo chiesto autenticità che c'era l'esigenza direndere le loro vite adatte a un pubblico di riferimento più convenzionale?

Io sono d'accordo con Roberto Pellico e condivido appieno la sua scelta, anche perché l'elemento che cattura il lettore è proprio l'autenticità dei racconti. Ogni storia è raccontata in modo diretto, senza fronzoli; l'unico racconto narrato - volutamente - sopra le righe è Non siamo di pietra, in cui la voce narrante è una prostituta sarcastica e disincantata, ma anche battagliera! E' un racconto che mi ha divertita e che nell'insieme si inserisce benissimo.

Gli altri racconti li dividerei in due filoni: quelli che raccontano l'amore in generale, con tematiche che possono essere condivise indipendentemente dalla propria sessualità, e quelli che si soffermano sulle peculiarità dell'amore gay, che deve essere sempre "giustificato" agli occhi altrui.

Al primo filone appartengono storie come Guarda fuori, che parla d'amore e degli sbagli che si commettono, nonostante si trovi la persona giusta; Il libro, che narra dell'innamoramento e di come si riesce a prendere il coraggio per il primo approccio; Verso un tramonto di luce, ovvero la pienezza di un amore che dura da 10 anni, fatto di piccoli momenti vissuti insieme; Cieli senza farfalle, che affronta la crisi della coppia.

Nel secondo gruppo troviamo i racconti che ci aiutano a metterci nei panni di chi non può vivere l'amore in modo completamente sereno, a causa della propria sessualità.
Ad esempio, Quell'abbraccio così è uno stralcio di vita, l'addio al bambino del proprio compagno, cresciuto come un figlio, al momento della separazione della coppia.
E poi succede davvero, più discorsivo e "teorico", affronta un tema affine: cosa significa essere una famiglia senza un bambino
Imprevisti è l'unico che affronta l'omosessualità femminile. E' uno sguardo molto intelligente e coinvolgente sui rapporti madre-figlio, in cui viene fatta luce sui sentimenti e le ragioni di entrambi. Il "lutto" che prova un figlio alla separazione dei genitori è ancora più difficile da superare quando si scopre che la propria mamma si è innamorata di una... donna?
A pochi passi da te, che  dà il titolo alla raccolta, è la storia di Sandra e della conquista della sua femminilità.
L'ultimo racconto (Mentre te ne vai) è il più triste, parla della morte dell'amato e del dover nascondere la propria "scomoda" presenza perfino al funerale, per non far parlare male parenti e amici.

Sono stata davvero contenta di leggere questo libro, per due ragioni: una è per il coinvolgimento emotivo che hanno saputo trasmettermi le storie, permettendomi di avvicinarmi a tematiche su cui non avevo ancora riflettuto un maniera approfondita. E' stato davvero un arricchimento, e poi secondo me è veramente importante mettersi nei panni degli altri, imparando a vedere il mondo con occhi diversi.
Due - ma questa ragione è strettamente collegata alla prima - è per lo stile. Lo stile di Pellico ha saputo portarmi "dentro" alle storie, facendomi emozionare e commuovere. Io credo che questo giovane autore (classe 1983) possa dare dei punti a molti altri scrittori più blasonati. Il suo stile è diretto, arriva dritto al centro delle cose: frasi brevi, a tratti incisive, a tratti delicate. Non una parola più né una in meno.
Un'ottima raccolta di racconti che consiglio davvero a tutti!

Se volete leggere un'anteprima, cliccate QUI!

Se volete acquistarlo, potete farlo QUI

11 commenti:

Veronica Mondelli ha detto...

Mi interessa moltissimo questo libro. Dove si può acquistare?
Ciao Vele!!

Veggie ha detto...

M'intriga molto, e poi è su un argomento che m'interessa parecchio... Dove si può trovare il libro, in formato cartaceo o digitale? Sarei veramente curiosa di poterlo leggere per intero!!...

Anonimo ha detto...

Recensione coinvolgente. L'ho appena comprato su ibs.it Grazie.

Luigi87 ha detto...

non amo i racconti in generale..però per chi ama questa forma narrativa potrebbe essere un libro interessante, soprattutto dopo aver letto il tuo commento

Vele Ivy ha detto...

@Veronica: ciao!!
Hai ragione, è meglio mettere un'indicazione su dove poterlo acquistare! In fondo al post ho messo il link alla pagina di IBS dove poterlo comprare :-)

@Veggie: sono sicura che un libro così può piacere molto ad una persona sensibile come te! Ho aggiunto in fondo al post un'indicazione su dove acquistarlo.

@Anonimo: grazie a te, sono contenta del tuo acquisto! Se hai voglia di tornare e lasciarci il tuo nome, mi farebbe molto piacere!

@Luigi: sono storie molto belle, indipendentemente dalla forma narrativa, secondo me! Poi ognuno ha le sue preferenze :-)

Rita Baccaro ha detto...

Anche io ho avuto la fortuna ed il piacere di "incontrare" Roberto Pellico. Ho apprezzato la sua sincerità e generosità, ed anche il suo libro così denso di emozioni che mi ha fatto riflettere.

L'omino con la chitarra ha detto...

... mi sembra così strano... forse perchè per me non c'è differenza fra homo ed etero... ma vivo convinto che oramai non ci sia più una così grande sofferenza e così grandi difficoltà per gli homosessuali... evidentemente invece è così.
Ma l'ebook è in vendita oppure gratuito?

Veggie ha detto...

Grazie per la precisazione!...
Aggiungo una frase di Boy George che mi è venuta in mente leggendo i racconti in anteprima...
"La gente crede ancora che gli etero facciano l'amore e i gay solo sesso. Mi piacerebbe spiegargli che si sbagliano"
... assolutamente vero!!!

Vele Ivy ha detto...

@Rita: che bello, siamo accomunate anche da questo libro! E' vero, è denso di emozioni!

@Omino: ciao e benvenuto!
Purtroppo il problema è che la maggior parte delle persone non la pensa come te, e vede le unioni omosessuali come "non legittime" rispetto a quelle eterosessuali. Il libro dà un'idea di ciò, come ho accennato nella recensione, ma per rifletterci in maniera approfondita occorre leggerlo.
L'ebook non è autoprodotto, ma distribuito da un editore, proprio come la copia cartacea. Per questo motivo, ovviamente, è a pagamento. Puoi trovarlo nel link che ho indicato alla fine della recensione.

@Veggie: è verissimo!! Hai riportato una citazione davvero calzante! Grazie Veggie :-)

Robeto ha detto...

Ciao, sono l'autore del libro. Mi sembra doveroso ringraziare Vele, per l'ospitalità. E salutare Rita, una persona cara. Credo fortemente nei blogger e nella potenzialità delle parole. Perchè un libro gira se piace con onestà e trasparenza. E spesso, il passaparola, è l'unico mezzo che hanno gli esordienti. Grazie anche a Veggie, Veronica, e a Luigi che non ama i racconti. :-) e se tutti fossero come l'omino con la chitarra (magari)... sarebbe un posto pien di musica e basta. :-) a presto. Roberto.

Vele Ivy ha detto...

Ciao Roberto, grazie per essere passato e aver lasciato un commento così bello e simpatico per i miei lettori!