"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

lunedì 18 febbraio 2013

La Stella di Luna - Ep. 3: Gente di Dublino

Episodi precedenti:
1. Il mistero della stella - 2. In partenza per l'Irlanda


Episodio 3. Gente di Dublino

Da: ginevra.baroni@yahoo.it
A: allegra.merini@virgilio.it
Oggetto: La prima serata a Dublino!!

Carissima Allegra,

ieri ho trascorso la mia prima serata dublinese!
All’aeroporto mi ha accolta una compagna del gruppo di studio: Carolyn Bansh, una biondina rotondetta e sorridente, con il viso cosparso di lentiggini. C’era con lei anche il fidanzato Gregg Brown, che è alto e magro e con un’enorme chioma di ricci rossi! A quanto ho capito lui studia botanica, sta facendo il dottorato di ricerca. Dopo avermi aiutata a posare tutto nel mio appartamento dublinese mi hanno portata direttamente nel loro pub preferito, perché hanno detto che quella sera si doveva festeggiare!
Temple bar, foto di Vele Ivy
Abbiamo così fatto il nostro ingresso in Temple Bar, il quartiere dei pub di Dublino! Credimi che l’impatto è stato shoccante… come ci ho messo piede, ho sentito un fortissimo STENG!! Era il rumore della testa di un ubriaco contro un idrante, durante la sua caduta! Il tipo è rimasto steso immobile, e a me sono venute le lacrime agli occhi perché pensavo che fosse morto. Poi però è arrivato un suo amico, più o meno ubriaco quanto lui, e l’ha aiutato a rialzarsi. Carolyn mi ha dato una pacca sulla spalla e mi ha detto che una buona pinta di birra mi avrebbe aiutata a riprendermi dallo spavento.
Abbiamo attraversato tutto il quartiere, dove a onor del vero non c’erano solo ubriaconi ma anche bravissimi musicisti, che suonavano di tutto: dalle chitarre ai banjo, dai violini alle arpe! Poi abbiamo preso una traversa semi-nascosta e ci siamo infilati in un piccolo pub di veri irlandesi, come mi è stato sottolineato da Gregg, perché è sconosciuto ai turisti!
Foto di Vele Ivy
Qui c’erano altri due amici ad aspettarci: la coinquilina di Carolyn, ovvero Agata O’Neil, che lavora nella segreteria didattica del Trinity College, e un certo Domhnall McCarthy. Agata è molto carina, ha dei bellissimi capelli ondulati, castano chiaro, e gli occhi grigi. Domhnall ha i capelli biondo-rossicci, gli occhi azzurri e una carnagione davvero bianchissima, quasi come un foglio di carta!

Abbiamo passato una serata davvero divertente! Gregg non la finiva più di raccontare il mio spavento alla vista dell’uomo che cadeva ubriaco, e tutti giù a ridere. Tutti tranne Domhnall, per la verità, che si limitava a sogghignare (a volte ha un’aria quasi sinistra! Boh, spero sia solo una mia impressione). Poi ho bevuto la mia prima Guinness, ed è stata un’esperienza quasi mistica: non c'è niente da fare, in Italia non si berrà mai una Guinness all'altezza di quella che si gusta qui. La schiuma è densa e cremosa, il sapore è intenso e amaro. Infine, dal cantante del pub ho sentito una versione di With or without you da pelle d'oca, che mi ha fatto piangere. Carolyn mi ha abbracciata e mi ha detto “benvenuta in Irlanda!”

Un abbraccio anche a te!

Ginny

****

Da: ginevra.baroni@yahoo.it
A: allegra.merini@virgilio.it
Oggetto: Risposte alle tue curiosità!
Foto di Ailera Stone
Carissima Allegra,

con piacere rispondo alle curiosità della tua ultima mail.
Per quanto riguarda le ricerche, sono lieta di dirti di aver trovato un’interessante variante della leggenda, secondo cui la fata dona alla bambina non una stella ma un raggio di luna; penso di essere sulla buona strada per chiarire il mistero!
Per quanto riguarda i nuovi amici, tutto va a gonfie vele perché Carolyn, Gregg e Agata sono persone speciali, sempre disponibili ad aiutarmi e col sorriso sulle labbra. Stiamo sempre insieme! L’unico a non essere simpatico è Domhnall, che non mi parla se non per necessità. Credo di stargli antipatica. Peccato perché, se fosse meno cupo (e meno pallido!) sarebbe un bel ragazzo. Ne parlavo giusto stamattina con Agata, che lo conosce fin da quando erano piccoli, perché frequentavano insieme una specie di colonia estiva per bambini che sanno il gaelico. Lui infatti viene dall’isola di Jarlath, che si trova a est di Dublino ed è un caso unico di preservazione dell’antico irlandese in quella zona dell’Irlanda. Agata, invece, proviene dal Gaeltacht.
Foto di Vele Ivy
Agata mi ha raccontato che fino a due anni fa Domhnall faceva il dottorato di Letteratura Inglese in America, poi improvvisamente ha mollato la sua brillante carriera accademica ed è tornato in Irlanda, nella sua isola natale, un posto isolato ancora attento alle sue antiche tradizioni. L’anno scorso Agata lo ha ritrovato a Dublino, quando lui si è trasferito per trovare lavoro, avendo perso quello che faceva nella sua isola a seguito della crisi economica: è stata lei ad aiutarlo a trovare il suo attuale posto di lavoro alla biblioteca dell’università. In conclusione mi ha raccontato che lui torna spesso nella sua isola natale, che si trova ad un’ora e mezza di battello da qua, e secondo lei va a trovare la sua fidanzata… e con molta amarezza ha detto che le piacerebbe conoscere la persona che ha colpito il suo cuore di ghiaccio. Mi dispiace per lei, perché mi sembra molto turbata da quell’antipatico di Domhnall, mentre lui è veramente glaciale.
Comunque bando alla tristezza: domani faremo una gita alla penisola di Howt, che dev’essere meravigliosa, con il suo faro e le sue verdi scogliere a picco sul mare!
Ti racconterò nella prossima mail! Un abbraccio,

Ginny 

Racconto a puntate ideato e scritto da Silvia Vele Ivy

Nota delle autrici: i commenti più belli verranno pubblicati nell'ebook che creeremo per raccogliere tutta la storia!

19 commenti:

Veronica Mondelli ha detto...

...mmh... Questo Domhnall non me la racconta giusta! Non è che Ginevra sta già cadendo vittima del suo fascino? (io lo trovo un personaggio molto affascinante!)
Alla prossima!

Gabe ha detto...

una serata molto movimentata,il racconto è fresco e vivace,
ciao Vele,un bacetto

strillo ha detto...

sapere che ci siete voi ad allietare il lunedì, rende meno faticosa questa giornata tristemente "sfigata" :-)

mi è piaciuta l'idea di raccontare l'arrivo di Ginevra a Dublino tramite le sue e-mail; me lo appunto

altri indizi, dunque, ma dove ci state accompagnando?
noi siamo curiosi e piacevolmente in sospeso fino al prossimo appuntamento

brave!

Vele Ivy ha detto...

@Vero: eccola là, la prima fan di Domhnall :-D
Vuoi sapere un segreto...? Anch'io ho un debole per questo personaggio...

@Gabe: grazie, in effetti dopo Niamh abbiamo voluto creare qualcosa di un po' più leggero! Però comunque i misteri ci sono tutti!

@Strillo: grazie anche a te!
Sono contenta che sia piaciuta l'idea delle e-mail!
Vedrai che piano piano tutte le tappe di questo cammino vi condurranno in un punto ben preciso...

Alfa ha detto...

Un uomo del mistero... Sarà forse un elfo? E, soprattutto, avrà veramente un'ancor più misteriosa fidanzata?

Pippicalzelunghe ha detto...

Ciaooo care ragazze!!!Ma scusate Ginevra non vi ha detto nulla???Ebbene si lo ammetto,quando Domhanall è stato in America io ero ospite da un'amica a Pittsburgh,un giorno sono andata a vedere una partita degli Steelers che spettacolo!!!Vicino a me cerano dei bei giovanottoni con loro anche Domhanall...per farla corta, grazie al mio fascino e alla mia chioma rosso relativo ho sedotto e abbandonato cuore di ghiaccio...ma frivola come sono alla partenza non ho lasciato nessun indirizzo;ho capito che quella storia sarebbe stata troppo complicata...Ecco perchè Domhanall era più imbronciato del solito(dal tronde sono mediterranea non compatibile con il gelo)...trallalà baci

Vele Ivy ha detto...

@Alfa: In un CERTO SENSO ci hai preso... scoprirai meglio cosa intendo tra 2 puntate!

@Pippi: noto con piacere che il nostro Domhnall sta riscuotendo successo tra il pubblico femminile e come una vera rockstar vanta già avvistamenti in ogni dove... comunque mi dispiace deluterti, ma ti sei confusa: come hai scritto tu stessa il tuo era DOMHANALL e non Domhnall!

Silvia ha detto...

Noto anch'io con piacere che il fascino da bel tenebroso di Domhnall ha colpito parecchio!!!

;-)

Pupottina ha detto...

ciao Vele e Silvia
che bello come prosegue la narrazione, in modo semplice e che appassiona il lettore e lo fa sentire all'interno della storia.
aspetto la prossima mail.
bravissime entrambe!
belle le foto!

Grace Malvin ha detto...

Eccomi Vele scusa il ritardo...!!!
Bellissimo questo capitolo, mi ha fatto venire ancora più voglia di andare in Irlanda!!!
E su Domnhall ho già qualche idea di sospetto!!!! Non vedo l'ora di vedere come si evolve la vicenda!!!

P.S. Il 22 marzo sono a Milano per un'uscita... ci vediamo da Luini per un paio di panzerotti?? ;D ahahahahaahaha scherzo!
Smack!

Pippicalzelunghe ha detto...

Ma quanto sei pignola!!!Domhnall o Domhanall è un nome incomprensibile sia da scrivere che da pronunciare,io lo chiamavo Dido...e se non mi credi con la Silvia cercate di sapere chi era la bella rossa vista con lui a Pittsburgh...però sono proprio curiosa di leggere la prossima puntata!!!Baci

Vele Ivy ha detto...

@Pupi: grazie! È bello quando scrivi che vi facciamo sentire all'interno della storia!

@Grace: boooni i panzerotti di Luini!!!! Come il tiramisù di Pompi, si meriterebbero pure loro una menzione nel racconto!

@Pippi: se vuoi scrivere una fanfiction con te e Domhnall come protagonisti ne saremmo onorate! Ma ovviamente come autrice non puoi chiedermi di considerare queste fantasie come parte della storia ufficiale, eh!

Veggie ha detto...

Mi piace il fatto che anche in questo racconto ci siano sempre dei nuovi misteri da svelare... è un qualcosa che ti tiene con il fiato sospeso, e che non ti fa vedere l'ora di leggere l'episodio successivo!...

DOC ha detto...

L'ho sempre detto, io: il vero protagonista di un racconto è chi lo scrive. Originale questa confezione "multilivello", tra fantasy e reality: non sai mai quale piano ti potrà capitare... Staremo a vedere. Intanto buon weekend, carissima.

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

@Veggie: grazie! Questa volta la rete dei misteri sarà davvero fitta...

@DOC: come al solito sei un lettore estremamente sensibile. Sì, effettivamente ci sono vari livelli, d'altra parte nella magica Irlanda è facile imbattersi in qualche essere fatato...

Mari da solcare ha detto...

Mi piace questo taglio quasi da "irish reality" dato al racconto, da dialoghi e da situazioni gradevolmente normali e verosimili. Alla prossima puntata! Cioè a tra poco.

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

Grazie! In effetti la verosimiglianza che riscontri deriva da episodi realmente accaduti. Buona lettura!!

max ha detto...


to max@forza magicaroma.it
a Ivy@geniodellaletteratura.it
testo:
Il modo di raccontare tramite mail è molto carina. brave

Vele Ivy Di Colorare ha detto...

Ahahah! Grazie Max!
I tuoi commenti sono sempre divertentissimi!!