"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

martedì 29 gennaio 2013

La stella di luna: personaggi femminili

La stella di luna” è un racconto con un’importante componente femminile, quindi in questo post vi presenteremo le… donne della Stella! ;-)

Ginevra Baroni – italiana (nata a Roma)

E’ La protagonista di questa storia.
Ginevra è diventata famosa in tutto il mondo per una scoperta che riguarda il quadro preraffaellita “Niamh delle fate”. Ha un carattere generoso ma anche molto curioso ed impulsivo, che spesso la spinge a commettere azioni al limite del legale (diciamo pure illegali) per portare avanti le sue scoperte…

Allegra Merini – italiana (nata a Roma)

Allegra in questo racconto non compare molto, però riesce ad essere sempre vicina a Ginevra con il suo supporto, nonostante la lontananza geografica.
Allegra è la migliore amica di Ginevra e ha un carattere molto diverso da lei, infatti è tranquilla e riflessiva. Ha una grande sensibilità che le consente di capire al volo lo stato d’animo delle persone.

Agata O’Neil – irlandese (nata nel Gaeltacht)

Agata fa parte della compagnia di amici che Ginevra conosce in Irlanda.
E’ una ragazza bella ed elegante, però cela a fatica la tristezza di un amore non corrisposto.

Carolyn Bansh – irlandese (nata a Dublino)

Carolyn è una ragazza allegra ed estroversa, che prende subito in simpatia Ginevra.
E’ fidanzata con Gregg, un ragazzo divertente e spensierato quanto lei.

? Misteriosa ragazza dai capelli rossi

Chi sarà questa misteriosa ragazza dai lunghi capelli rossi?
Per ora non possiamo svelarvelo… seguite “La stella di luna” e lo scoprirete!

Tutte le foto sono di Ailera Stone

lunedì 21 gennaio 2013

La stella di luna: Ginevra sta per tornare…

E’ passato un anno dalla scoperta che ha cambiato la vita di Ginevra: la scoperta della storia d’amore tra il pittore preraffaellita Thomas Crawley e la fanciulla irlandese Niamh O’Brien, amore che ha ispirato il famoso Waterhouse per uno dei suoi più celebri quadri. La scoperta del secolo secondo gli storici dell’arte. La giovane studiosa italiana è stata così catapultata sulle prime pagine dei quotidiani e in tv e tutti gli occhi dell’intero globo puntati su di lei ne hanno fatto une vera e propria celebrità contesa da mezzo mondo, tra conferenze a cui presenziare e interviste da rilasciare.

Ma non tutti i misteri riguardanti Niamh e Thomas sono stati ancora svelati: qual è il significato de La stella di luna menzionata in alcuni biglietti inediti dei due sfortunati innamorati vittoriani?

Per scoprire il mistero Ginevra si spingerà fino in Irlanda, terra di leggende e di folklore, dove l’aspetta un’altra incredibile avventura… e dove, soprattutto, verrà a contatto in prima persona con la magia che solo nella verde Eire si può trovare!

Dopo le grandi emozioni di Niamh delle fate, una musa preraffaellita (ve la siete persa? Cliccate QUI!), l’immortale storia d’amore di Niamh e Thomas sta per tornare e ancora una volta spetterà a Ginevra svelare il mistero in una nuova avventura mozzafiato tra leggende, magia, destino e amore sullo sfondo della bellissima Irlanda!

Se avete amato il primo capitolo della storia, non potete mancare di vivere le emozioni de La stella di luna, un sequel appassionante e ricco di colpi di scena che non mancherà di affascinare e coinvolgere come il romanzo precedente!
Siete pronti a svelare il mistero de La stella di luna assieme a Ginevra?

Calendario degli episodi:

Lunedì 4 febbraio: 1Il mistero della stella, pubblicato QUI

Lunedì 11 febbraio: 2In partenza per l'Irlanda, pubblicato QUI

Lunedì 18 febbraio: 3Gente di Dublino, pubblicato QUI

Lunedì 25 febbraio: 4Il cerchio delle fate, pubblicato QUI

Lunedì 4 marzo: 5La festa di mezz'estate, pubblicato QUI

Lunedì 11 marzo: 6Il segreto di Domhnall, pubblicato QUI

Lunedì 18 marzo: 7Alla volta di Jarlath, pubblicato QUI

Lunedì 25 marzo: 8Un arrivo imprevisto, pubblicato QUI

Lunedì 1 aprile: 9La storia di Réaltàn, pubblicato QUI

Lunedì 8 aprile: 10Il medaglione, pubblicato QUI

Lunedì 15 aprile: 11La pergamena, pubblicato QUI

Mercoledì 24 aprile: 12Mr Puck, pubblicato QUI

Lunedì 29 aprile: 13Il sorriso di Réaltàn, pubblicato QUI

Lunedì 6 maggio: 14L'eredità di Niamh e Thomas, pubblicato QUI

Come illustrazione del post trovate il logo de La stella di luna: se vi piace, potete condividerlo sui vostri blog e mettere un link a questo post, aiutando così la diffusione di questo racconto!

E ovviamente, anche quest'anno i commenti più belli ai vari episodi troveranno spazio nell'ebook finale, che raccoglierà tutta la storia!

lunedì 14 gennaio 2013

Le fan art di Niamh delle Fate!

“L'espressione Fan art o fanart designa un'opera d'arte basata su un personaggio, un costume, un oggetto, o una storia che è stata creata da una persona diversa dall'artista, in particolare un fan del medesimo.”

Questa è la definizione di fan art tratta da Wikipedia, e questa, invece… è la prima fan art dedicata a Niamh delle fate, una musa preraffaellita! Eccola:
Immagine di Grace Malvin
Sì, il racconto a puntate pubblicato l’anno scorso insieme a Silvia ha avuto una tale simpatia di pubblico da dare vita anche a delle fan art!
Come spiegarvi l’emozione mia e di Silvia quando abbiamo visto queste bellissime immagini, che ritraggono la nostra Niamh? Per un autore è veramente una sensazione meravigliosa!
Grace ha ritratto una scena del racconto (la separazione di Niamh e Thomas), una figura intera di Niamh e una sua interpretazione del ritratto che dà vita a tutta la vicenda.
Imagine di Grace Malvin
L’autrice di questi disegni è Grace Malvin, giovanissima blogger, disegnatrice e accanita lettrice! Andate a trovarla sul suo blog e sulla pagina Facebook.
E’ meraviglioso ricevere queste creazioni da parte dei fan, e vedere attraverso i loro occhi i personaggi a cui abbiamo dato vita.
Immagine di Grace Malvin
E se volete saperne di più sulla storia di Niamh, vi consigliamo un video molto speciale: un’altra creazione nata da un lettore, Fabio Bogliotti aka Strillo. E’ il booktrailer di Niamh delle fate! Cliccate QUI per vederlo! 

sabato 12 gennaio 2013

I gemelli King e il serpente piumato - Sonia Dal Cason

Il serpente Piumato è la seconda avventura dei gemelli King, dopo I gemelli King e il sigillo del drago di cui vi ho parlato QUI.

Anna e Matt King hanno ormai un legame speciale col drago dorato Amjad, che ha affidato loro il compito di trovare anche il drago Dsibian. Per portare a termine questo compito dovranno rivolgersi alla terza prescelta, Vivian MkKenzie, che serba loro rancore per gli eventi accaduti nel primo libro... e come se non bastasse, Vivian ha un fratello diabolico e opportunista, ovvero Tristan. I ragazzi dovranno quindi combattere non solo con pericolose avventure e indecifrabili messaggi Maya, ma anche con il precario equilibrio dei loro rapporti.

Già da questo veloce riassunto si capisce che questo secondo libro, com'è naturale che sia, non è incentrato solo sulle magiche avventure dei protagonisti, ma anche sulle dinamiche che si instaurano tra loro. Dico "com'è naturale che sia" perché in questo volume Anna e Matt entrano nel'epoca dei "teen" (compiendo tredici anni); il loro carattere si fa più definito e anche problematico, soprattutto per quanto riguarda Anna. Questo rende il libro appassionante e realistico (io, come penso molte altre ragazze, mi sono identificata in Anna perché ricordo bene com'ero alla sua età: ribelle e intrattabile, soprattutto con i miei genitori ma anche con ogni genere di costrizione).

I protagonisti crescono e lo stile cresce con loro.
Come mi ero augurata nel primo libro, i fratelli MkKenzie assumono un ruolo più rilevante. Apprendiamo che Vivian è meno sicura di sè di quanto sembri, per dirla con Matt "le reazioni della ragazza erano sempre esagerate e si demoralizzava con facilità", mentre Tristan dimostra tutta la sua "anima nera", come la definisce Anna. Sono molto belle le scene in cui Anna e Tristan si fronteggiano, mi piace la tensione che si percepisce tra loro.

Insomma, se il primo libro era simpatico e piacevole - come si addice ad un romanzo che parla dell'infanzia - questo è dinamico e appassionante... e mi è piaciuto ancora di più!

Il finale è aperto, gli interrogativi che lascia in sospeso saranno risolti nel terzo volume della trilogia. Spero di non dover aspettare troppo per leggerlo!! E spero che tutti i personaggi possano risolvere i loro dissidi interiori... perché ormai mi sono affezionata a tutti loro (anche all'anima nera di Tristan)!!

Per acquistarlo cliccare di seguito: Il serpente Piumato
Se siete interessati al primo libro, cliccate qui: I gemelli King e il sigillo del drago 

lunedì 7 gennaio 2013

Niamh “interpretata” da Reese Witherspoon

A volte capita di “incontrare” i propri personaggi quando meno te l’aspetti, in maniera assolutamente casuale e per questo straordinaria! 
I personaggi vivono perlopiù nei sogni degli autori… questo finché non prendono forma sulla pagina scritta, nero su bianco; spesso, poi, i personaggi diventano di carne ed ossa grazie al cinema o alla televisione o al teatro… e ciò che era nato in principio come sogno dell’autore… magicamente prende vita così da far sognare la gente.

Questo è successo anche a noi.

Sì, perché Silvia ed io abbiamo “incontrato” Niamh in maniera incredibile! Il suo volto era già nei nostri sogni da tempo… ma è bastato un attimo, uno sguardo, un viso per esclamare: “Eccola, ecco Niamh in carne ed ossa!”. 
Ci è capitato di vedere un’immagine di Reese Witherspoon tratta dal film L’importanza di chiamarsi Ernest… e vedendo quella immagine non abbiamo avuto nemmeno un dubbio: lei era Niamh, così come dovrebbe essere Niamh! Fotografata nella stessa angolazione, con lo stesso abito azzurro e la stessa coroncina di fiori a cingerle il capo. 
Sì, lì Reese era la perfetta personificazione della nostra Niamh! In una scena peraltro evidentemente ispirata a La belle dame sans merci! L’unica differenza era nel colore dei capelli: biondi anziché rossi come il tramonto. Come risolvere questo dettaglio? Semplicemente con un mio piccolo intervento grafico: con una pennellata ho colorato di rosso i capelli di Reese! Il risultato ci ha lasciate senza parole: ora avevamo dinanzi a noi Niamh in persona, con tutta la sua bellezza, dolcezza e il suo romantico amore!

Così grazie a Reese la nostra Niamh è diventata reale, pronta a rendere vera un po’ di più la magia di Niamh delle fate!

Ecco le immagini di Niamh/Reese tratte da L’importanza di chiamarsi Ernest modificate per l’occasione!


martedì 1 gennaio 2013

Il conte e la fata - anime, manga e light novel


Un anime giapponese a base di fate e atmosfere vittoriane... donzelle che leggete Colorare la vita, ditemi: si può chiedere di più?
Come dite?
Volete anche un protagonista maschile misterioso e bello bello bello in modo assurdo?
Eccovelo qua!
Ooooh..!! *___*

Sto parlando de "Il conte e la fata", titolo originale "Hakushaku to Yousei", il cui manga in Italia è conosciuto come "The earl and the fairy".
La storia originale deriva da una saga di 25 light novel (cioè romanzi illustrati giapponesi, che pur essendo in prosa presentano molte caratteristiche dei manga). Purtroppo da noi i romanzi non sono arrivati, però possiamo gustarci il manga e l'anime tratti dalle light novel.

La trama de "Il conte e la fata"

La storia parla di Lydia, una fairy doctor, cioè una persona in grado di vedere le fate e fare da tramite tra il mondo magico e il mondo umano.
Lydia è una ragazza gentile e generosa, ma viene usata dal conte Edgar che vuole ottenere il titolo di "Conte cavaliere blu", signore dei Merrow (una popolazione di sirene irlandesi).

Edgar, nonostante l'aspetto angelico, è un uomo spietato: donnaiolo, bugiardo e perfino assassino, e inizialmente non esiterà a mettere in pericolo la vita di Lydia. Ha però anche un passato molto doloroso alle spalle.
Tra Lydia ed Edgar si instaura un rapporto strano, perché Edgar cerca in ogni modo di sedurre Lydia, la quale non riesce ovviamente a fidarsi di uno come lui, pur essendone attratta... ma cosa proverà veramente Edgar per Lydia? Per dirla con le sue parole: "Lydia è una ragazza interessante. E' incredibilmente gentile, non ha una goccia di egoismo... e dice solo ciò che pensa. Ma soprattutto, anche se sono un poco di buono, se mi trovassi in pericolo, sembra che non mi abbandonerebbe mai".

Insieme a loro ci sono tanti altri personaggi simpatici e interessanti, come il gatto parlante Nico, che "Beve un sacco e ha un pessimo carattere!" e Raven, il servitore di Edgar, che rimane impassibile ogni cosa gli succeda intorno!
Nico
Raven
La premessa della storia avviene nella Londra vittoriana, poi ci si sposta ad Edimburgo, dove vive Lydia, dopodiché si approda in Irlanda, e poi di nuovo a Londra... le ambientazioni sono davvero bellissime! Per non parlare degli esseri fatati che popolano la storia: Brownie, Pixie, Banshee, Sirene, folletti!

E ora che vi ho parlato della storia, passerò alle considerazioni sulla trasposizione in anime e quella in manga.

Differenze tra anime e manga

Ayuko, la mangaka che si è occupata della trasposizione fumettistica, scrive: "... ci sono molti dettagli dell'opera originale che non sono riuscita ad inserire, molti episodi che non sono riuscita a disegnare. Mettete insieme il romanzo originale, l'anime e il drama cd e immergetevi nel mondo di The earl and the fairy!"
Ed è quello che consiglio io: se amate questa serie, non potete farvi fuggire nè il manga nè l'anime!
Infatti nell'anime ci sono episodi e personaggi che non compaiono nel manga, e viceversa. Le somiglianze riguardano soprattutto i primi due volumetti del manga, che riprendono i primi episodi dell'anime con però una grande differenza, e cioè il personaggio di Ermine. Si tratta della sorella di Raven, inseparabile compagna di Edgar, la cui figura non è affatto chiara nell'anime.
Nei successivi due volumi, invece, la storia cambia completamente.

Nel manga mancano personaggi molto simpatici come Kelpie, un essere fatato innamorato di Lydia, e il pittore preraffaellita Paul.
In compenso, nella versione fumettistica è più chiara la storia del "conte Cavaliere Blu" e inoltre il personaggio di Edgar è approfondito molto meglio.

Per quanto riguarda i disegni... sono bellissimi in tutte e due le trasposizioni, sebbene diversi!
Nell'anime i colori sono sgargianti, i personaggi sono "tondeggianti" e dolci; il manga è curatissimo nei particolari, usa molto di più le ombre (che danno all'ambientazione vittoriana un'atmosfera più misteriosa), mentre i volti e le espressioni sono eterei.

Se volete immergervi nel mondo de "Il conte e la fata", potete acquistare i 4 volumi online (per esempio QUI) e vedere i 12 episodi dell'anime su Youtube, visto che non sono ancora stati distribuiti in Italia. Li troverete in giapponese con i sottotitoli in italiano. Come anteprima, potete vedervi QUA la bellissima sigla... che io spesso e volentieri canticchio ^___^'

Curiosità finale... il bacio tra Edgar e Lydia!

Nel manga e nell'anime de Il conte e la fata il tanto sospirato bacio non c'è... ma nelle light novel sì:


E a quanto pare Edgar e Lydia si sposano pure!!
Speriamo di leggere presto le light novel tradotte... se non in italiano anche in inglese!! Per ora si trovano solo i primi capitoli, ma non la serie completa.

Come ultima cosa, ringrazio Silvia per avermi fatto scoprire "Il conte e la fata"!