"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

mercoledì 5 novembre 2008

Le sirene: amore e morte


Una bellezza letale


Le sirene sono tra le creature leggendarie più affascinanti, forse per la loro dualità: non solo nell'aspetto, ma anche nella personalità.


Per quanto riguarda l'aspetto, nel corso dei secoli hanno assunto sia le sembianze di donna-uccello che quelle, a noi più familiari, di donna-pesce (vedi anche questo post).


Parlando della personalità, senza dubbio si tratta di esseri ambigui: fanciulle stupende, i cui attributi sono spesso lunghi capelli e voci dolcissime, che nascondono un'indole crudele. Innumerevoli sono le leggende (come non menzionare le sirene che incontra Ulisse!) in cui le letali creature attraggono malcapitati marinai, per poi farli morire straziati dalle onde e dagli scogli.
La bellezza, l'attrazione amorosa e la morte sono così mescolate in un unico mito.


Mito che ha ispirato molti artisti: qui sotto potete ammirare "La Sirena" di John William Waterhouse, pittore preraffaellita.




Le origini del mito nel mondo classico


Ma vediamo quali possono essere le origini del mito, del collegamento tra sirene, amore e morte nel mondo classico.

  • Una leggenda le mette in collegamento con l'elemento acqua e con una nascita violenta:


    "Alcuni miti ritengono che esse siano figlie di una divinità fluviale, Acheloo, dal quale sono scaturiti fiumi, sorgenti e fontane. Egli aveva la parte inferiore del corpo a forma di pesce e grandi corna di toro sul capo. Eracle, lottando contro l'antico dio, gli aveva staccato un corno e dalle gocce di sangue che erano scaturite dalla ferita erano nate le sirene."

    • Un'altra storia molto suggestiva parla del legame tra il loro fascino e l'essere portatrici di morte:

    "Alcuni studiosi ritengono che le sirene fossero le compagne della regina degli inferi e che fosse stata proprio costei a mandarle sulla terra. Il compito di queste divinità era, infatti, portare a Persefone coloro che erano destinati a entrare nel regno dei morti e pare che il momento del trapasso potesse essere addolcito dal canto e dalla musica. Per questo motivo furono spesso rappresentate sui sarcofagi"
    Fonte: Laura Rangoni, Le fate, Xenia Tascabili.



    Il ribaltamento del mito: "La sirenetta" di Andersen



    Pensando alla fiaba più famosa ispirata alle sirene (La sirenetta di Andersen), non ho potuto fare a meno di notare una specie di ribaltamento del mito originario.
    Questa volta è la sirena che ama, attratta da un bellissimo principe che abita sulla terraferma. Tuttavia si tratta di un amore impossibile, perché il principe sceglie di sposare una bella principessa terrena.
    La diversità della Sirenetta, che non appartiene al mondo umano, la trasformerà in vittima, al contrario delle sirene carnefici dei miti che abbiamo visto in precedenza. La sensibile sirenetta non riuscirà a sposare il principe e perciò dovrà scontare la sua condanna: dissolversi diventando schiuma di mare.


    Tuttavia alla fine c'è un riscatto: è vero che la piccola sirena non conquista il principe, ma le sue sofferenze le danno la possibilità di avere un'anima immortale dopo la morte, cosa negata alle altre sirene. La sua insomma è una vittoria spirituale, adatta ad una protagonista così dolce e riflessiva.

    Se volete scoprirne di più, ecco i link dove trovare letture utili:

    Le fiabe di Andersen, versione ebook
    Le fiabe di Andersen, versione cartacea

    Le fate, Laura Rangoni

    10 commenti:

    Squilibrato ha detto...

    Bellissimo post!
    Ottima ricerca!

    Alfa ha detto...

    Ottimo post. Complimenti.

    PS mi delizia scoprire sempre nuove amanti delle leggende e dei miti in rete...

    Auryn ha detto...

    interessantissimo.
    solo una curiosità:
    davvero tra tutte le sorelle del mare, solo la nsotra eroina aveva la pinna nella versione originale?
    se ti piacciono le sirene, cmq, c'è in edicola il Dylan Dog specisl che si intitola Profondo Blu ed è proprio dedicato alle sirene.

    Vele/Ivy ha detto...

    @Squili: Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto!!

    @Alfa:Anch'io sono contenta quando scopro che ci sono altre persone che amano le leggende, è bello condividere queste storie...!

    @Auryn: Ciao, grazie anche a te e benvenuta! Mi hai fatto venire il dubbio, così sono andata a rivedere il brano in questione: "Erano sei graziose fanciulle, ma la più giovane era la più bella di tutte, dalla pelle chiara e delicata come un petalo di rosa, gli occhi azzurri come un lago profondo; ma come tutte le altre non aveva piedi, il corpo terminava con una coda di pesce"
    Insomma, probabilmente da bamina avevo letto una traduzione scarsa o avevo capito male io!! Mi correggo subito, grazie per avermelo fatto notare!!!

    Auryn ha detto...

    è che mi sembrava strano che le altre sirene non avessero la coda, e soprattutto che ce l'avesse l'unica che voleva andare sulla terra... insomma, che sfiga!
    più che altro non ne capivo la finalità narrativa ed educativa nella favola.
    buon weekend!
    PS ti ho linkato.

    Stella ha detto...

    Post interessante; anche a me piacciono miti e leggende!

    Vele/Ivy ha detto...

    @Auryn: secondo me il fulcro della storia non è la finalità educativa, che infatti a ben guardare non è molto presente: la povera sirenetta alla fine non riesce ad ottenere il suo amore, e oltretutto deve espiare colpe che non ha per non subire l'oblio totale. E' questo fatto, la fragilità del personaggio, che mi ha colpita. Si capisce che si tratta di un dolore vicino all'autore... bè, si potrebbe parlare all'infinito di questa fiaba, così particolare! Intanto grazie per avermi linkata, ora lo faccio anch'io!

    @Stella: Grazie!! ^___^

    Geillis ha detto...

    l'ho sempre trovata una fiaba tristissima, d'altra parte Andersen ha un fondo malinconico in tutte le sue fiabe!

    Geillis ha detto...

    p.s. io adoro i Preraffaelliti

    Bookaholic ha detto...

    Questo post mi era sfuggito, meno male che era in cima alla lista dei più popolari, molto interessante ^^