"Le anime più pure e più pensose sono quelle che amano i colori" (I. Ruskin)

domenica 18 luglio 2010

Laghi, Preraffaelliti e "Le ninfe ed Hylas" di Waterhouse

Vi è mai capitato di andare in un posto in cui sentite che c'è qualcosa di diverso da qualsiasi altro luogo da voi visitato?
Un posto in cui provate una sensazione di benessere, che vi fa sentire sentire felici senza saperne il motivo. Vi sembra quasi di essere tornati a "casa", nel senso di un luogo primitivo che vi sembra, chissà perchè, familiare.


A me succede con i laghi. Chissà poi perchè, visto che sono nata al mare e fino alla maggiore età, quando ho cominicato a viaggiare, non avevo mai visto un lago in vita mia. Le flessuose piante lacustri, le ninfee, le libellule, che incorniciano questi specchi d'acqua, mi danno una sensazione di appagamento, come se fossi tornata nel luogo giusto per me.


Ho pensato a tutto ciò ieri, quando in questo caldo luglio sono andata a fare il bagno in un bellissimo lago tra Como e Lecco.
E mi venuto anche in mente che, forse, è dal mio amore per i laghi che è nata la passione per i Preraffaelliti (di cui vi ho già parlato qui e qui). Ecco infatti uno dei primi quadri preraffaelliti che ho conosciuto:



Affascinante, vero?
Il protagonista del quadro (Hylas e le ninfe) è il compagno di Ercole, con cui partì per la conquista del vello d'oro assieme agli Argonauti. Ma il destino aveva qualcos'altro in serbo per il giovane Hylas. Recandosi in un lago per abbeverarsi, fu visto da un gruppo di ninfe che si innamorarono di lui. Nel quadro si vede proprio il momento in cui il ragazzo, chino per bere l'acqua, viene afferrato da una ninfa. Fu attirato nelle verdi correnti dalle bellissime naiadi e scomparì. Chissà se affogò oppure se rimase per sempre in compagnia delle ninfe, trasformato in una divinità lacustre.

L'immagine è scaricata da http://www.jwwaterhouse.com/, dove potete vedere tutti i quadri del preraffaellita Waterhouse in buonissima definizione.

17 commenti:

La Bohemien ha detto...

Da quanto tempo non passo da queste parti? Moltissimo.....e vedo che non è cambiato nulla, cioé ogni volta riesci ad ispirarmi in qualche modo, peccato che per un motivo o per un altro non riesco mai a fare quello che vorrei....
Devo ancora trovare il momento di realizzare quella bellissima donna che si trasforma in serpe, ma te l'ho promesso quindi prima o poi mi metterò all'opera!!!!
Correggimi se sbaglio...ma questa fiction che faranno domenica prossima dal titolo "La donna velata" parla della nostra "comune amica"????? O_o
Bacioni dolcezza e complimenti per la nuova grafica!!!!!!!

UomoTimorato ha detto...

Molto poetico.
Posti che mi danno le stesse sensazioni ce n'è pochi, uno di essi è stato questo: http://www.google.it/images?q=laghetti+di+cavagrande&oe=utf-8&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&um=1&ie=UTF-8&source=univ&ei=KTdDTLXKL92WOJu7tJYN&sa=X&oi=image_result_group&ct=title&resnum=4&ved=0CDAQsAQwAw

Geillis ha detto...

E' vero, a volte si provano delle passioni improvvise ed inspiegabili per posti molto lontano da noi...a me è capitato con le coste frastagliate e rocciose del nord, con il suo mare tempestoso, i gabbiani e i fari...che c'entra con Roma e la paludosa costa laziale? Assolutamente nulla, eppure ho una passiona insanabile per i mari del nord...
Adoro i preraffaelliti, ma questo quadro non lo avevo mai visto...

Anonimo ha detto...

Belli questi quadri,sono andato a vedere anche gli altri che dicevi.Complimenti per il blog che ultimamente sto seguendo.Ciao Roberto763

Vele/Ivy ha detto...

@La Bohemien: ciao carissima!! Della fiction non so dirti niente, a dire la verità manco lo sapevo che la facevano, il fatto è che non guardo spesso la TV. Per il resto non ti preoccupare: so che hai una montagna di cose da fare, non c'è fretta! Mi basta pensare che ogni tanto ti fai ispirare dalle leggende di Colorare la vita :-)

@Uomo: grazie per aver indicato il link di quelle immagini!! Non conoscevo questi laghetti, sono veramente meravigliosi. Mi piacerebbe vederli dal vero, un giorno.

@Gellis: grazie per la testimonianza del tuo luogo "speciale". Il quadro è di un preraffaellita poco conosciuto, ma che secondo me è uno dei migliori artisti della sua scuola.

@Roberto: ciao Roberto! Grazie a te per il commento, sono felice che hai cominciato a seguire questo blog ^___^

giardigno65 ha detto...

molto affascinante

max ha detto...

Cara Ivy come al solito la tua "grazia" e il tuo garbo nel descrivere le cose incuriosisce e affascina! BRAVA!

Lady Boheme ha detto...

Carissima, anch'io sono molto affascinata dall'ambiente lacustre!
"Hilas e le ninfe" è un dipinto sublime, che riesce a trasmettermi profonde emozioni!!!! Complimenti per lo stupendo post! Un bacio e felice giornata

ele ha detto...

Allora sei finita nel posto giusto, visto che da queste parti ci sono molti bei laghi!
Molto bello il quadro, mi piacciono le tue interpretazioni! Secondo me il ragazzo si trasformò in una divinità lacustre e le ninfe, tutte innamorate di lui, passano interi giorni a contenderselo!

Vonetzel ha detto...

Io vivo al mare...eppure i laghi alpini e i paesaggi montani mi comunicano un senso di pace assoluto.
Stupendi i quadri...

Vele/Ivy ha detto...

@Giardigno: bene... sono contenta che ti sia piaciuto ;-)

@Max: ma grazie! Che carino che sei, mi fai arrossire!

@Lady: anche a me trasmette profonde emozioni, fin dalla prima volta che l'ho visto, e non mi stanco mai di riguadarlo.

@Ele: è vero, è proprio una bellissima zona per i laghi (e per il paesaggio in generale). Per fortuna è abbastanza vicino a casa mia!

@von: io ho vissuto al mare per molti anni e sono legata alla mia terra natale, però i paesaggi che ho descritto mi danno la vera sensazione di tornare a casa... chissà perchè!!

Veggie ha detto...

Sì, mi è capitato... Nel mio caso non sono i laghi, ma la palestra dove lavoro... Okay, lo so che adesso ti sarai già messa a ridere, ma è la verità... Forse perchè la palestra è un luogo dove mi sento accolta e non giudicata, e dove condivido con altre persone tante cose del mio passato... Forse perchè ci sono posti ed immagini che riportano alla mente pensideri e ricordi positivi, ed è per questo che lì ci si sente così bene...

Alfa ha detto...

Ora ho capito la citazione in una fotografia che mi era capitato di vedere tempo fa.

Pupottina ha detto...

sì, il paesaggio lacustre affascina anche me.... ma forse è perché non ci vado quasi mai.... tipo ogni 3 anni....
stupende le foto!

Vele/Ivy ha detto...

Grazie, ragazzi, per tutti i vostri commenti :-)

E Veggie: non temere che il tuo intervento possa far ridere, anzi! E' bello che anche tu abbia trovato il tuo posto speciale, se poi è il luogo di lavoro sei proprio fortunata! E' importante che ognuno di noi capisca dove di sente meglio ed è una cosa che varia tantissimo per tutti noi!

Arwen ha detto...

E' vero a volte si provano delle passioni inspiegabili, improvvise e fortissime per certi posti particolari - dove appena arrivati ci si sente come a casa propria. Anche se nella propria vita non ci si è mai stati prima.
Io ho provato una sensazione del genere per la parte più selvaggia e a Nord della Scozia !
Selvaggia landa quasi abbandonata nel nulla - ampi spazi naturali e liberi da costruzioni e persone

Vele Ivy ha detto...

Arwen, grazie anche della tua testimonianza! Io non sono mai stata in Scozia, ma è una delle mete che voglio visitare, dev'essere meravigliosa. Sono stata in Irlanda e mi sono innamorata dei paesaggi: lo ero già prima di vederli fisicamente, ma essere lì è un'altra cosa, un'emozione unica.